Dall’11 al 14 giugno si è svolto, con successo, uno stage formativo per gestori/titolari organizzato da ANIF, con la fattiva collaborazione di Technogym, presso alcuni fra i più prestigiosi centri sportivi di Londra.
Hanno partecipato, sotto la regia del Presidente Giampaolo Duregon, una ventina di soci provenienti da tutto il territorio nazionale. Nell’occasione sono stati visitati ben 6 impianti sportivi di diverse tipologie e organizzazione operativo-gestionali.
I gestori e/o tecnici di ogni impianto, grazie alla preziosa assistenza di Giulio Gasperini, il funzionario di Technogym che ha curato nei minimi particolari il fitto programma dell’evento, hanno consentito alla delegazione di ANIF di acquisire preziosi elementi su cui riflettere in un’ottica di revisione gestionale/tecnico-operativa.
Le caratteristiche degli impianti visitati sono molto diverse, ma tutte degne di essere studiate con attenzione. Da quelle tipiche del club esclusivo di alto livello qualitativo, che apre tuttavia i cancelli anche alle piccole società sportive del quartiere (cricket, calcio, atletica, ecc.), come il The Park Club, a quelle tipiche di un impianto inserito all’interno di uno stadio di calcio prestigioso come quello del Chelsea. In questo caso il Club, The Chelsea Health Club, è parte integrante del complesso sportivo che ospita inoltre, in perfetta armonia anche il museo della squadra di casa, il centro commerciale istituzionale, il bar – ristorante, pista di atletica, ecc.
Molto interessanti sono risultati anche i club inseriti nel contesto urbanistico storico della capitale, sia quelli orientati al sociale come l’Oasis Leisure Center che quelli più esclusivi come La Fitness-Holborn.
Il panorama si chiude con un centro, l’Active Aldersgate, appartenente ad una grande catena di Club multinazionale, la Virgin, che possiede ben 120 club ubicati nel solo Regno Unito. Si tratta di una struttura molto avanzata sul piano tecnologico, orientata essenzialmente verso un tipo di fitness scarsamente assistito, integrato con una considerevole presenza di personal trainer.
Molto interessante è risultato il proficuo scambio di idee sulle questioni prettamente amministrative e su quelle riguardanti i rapporti con la pubblica amministrazione. Sono state esaminate con attenzione anche le agevolazioni contributive. Dal quadro sono emerse innanzi tutto una notevole semplicità nei rapporti con il fisco ed una tassazione sui profitti e sul lavoro decisamente sostenibile.
Il clima di sincera amicizia che si è creato nel Gruppo nell’arco delle pur intense giornate di lavoro, oltre al proficuo scambio di idee, ha consentito ai partecipanti di trarre un profitto da questa trasferta che va ben al di là delle pur importanti esperienze acquisite nelle visite.
Il largo consenso ricevuto spinge Duregon a prendere in seria considerazione la possibilità di ripetere in futuro questa interessante iniziativa, con gli opportuni aggiustamenti.