Articoli

legge sport

Breve sintesi dei motivi che hanno portato ANIF a promuovere la legge 205, del 27 dicembre 2017

L’ANIF, Associazione Nazionale degli Impianti Sportivi Italiani, ha sentito l’esigenza 4 anni fa di intraprendere la strada per un progetto di riforma, attraverso una legge quadro che si occupasse della gestione degli impianti sportivi dilettantistici.

Motivi del progetto

  1. Maggiore chiarezza sull’attuale normativa che comprende:
    a. le associazioni sportive dilettantistiche senza fini di lucro (ASD);
    b. le società sportive dilettantistiche a r. l. senza fini di lucro (SSD).
  2. Ridurre le continue verifiche fiscali e lavoristiche, frutto di interpretazioni troppo discrezionali dell’attuale normativa.
  3. Cominciare a prevedere una copertura previdenziale inizialmente ridotta per i contratti di compenso sportivo e amministrativo, oggi inesistente.
  4. Introdurre una terza via di gestione per un impianto sportivo dilettantistico, quella della Società Sportiva Dilettantistica Ordinaria, poi chiamata dal Ministero delle Finanze “Lucrativa”. La nuova società rinuncia, rispetto alle altre (ASD/SSD) nel dettaglio:
    1. alle agevolazioni dell’IVA che passa da 0 a 10%;
    2. all’agevolazione della tassazione sul reddito, che passa da 0 al 50% dell’imponibile. In aggiunta, per la nuova Società Sportiva Dilettantistica Ordinaria (lucrativa), si inserisce la contribuzione previdenziale sui sopraddetti contratti di compenso sportivo ed amministrativo, che passa da 0 al 50% per i primi 5 anni, per andare poi a regime.
  5. La prima stesura della legge era molto più ampia e si occupava anche della salute dando incentivi fiscali, per ora riservati alla fascia d’età dai 5 ai 18 anni, a tutti i cittadini che fanno attività fisica.
  6. Durante il percorso legislativo sono stati tagliati tanti articoli che reputiamo adatti ad una legge quadro e sono stati approvati solo gli articoli che riguardano gli aspetti finanziari della normativa.
  7. La legge quadro sullo sport creerebbe emersione, trasparenza e sicurezza applicativa, dando la possibilità ai tantissimi impianti sportivi, frutto di importanti investimenti privati, di poter continuare ad investire senza i timori di vedersi chiudere l’impianto, a causa di arbitrarie interpretazioni. Esistono infatti in Italia circa 70.000 centri sportivi dilettantistici, tra associazioni sportive e società sportive, dei quali circa 15.000 di medie e grandi dimensioni. Tali impianti, con uno statuto come quello attuale che prevede l’assenza di lucro, hanno notevoli difficoltà con il credito, con i finanziamenti e con gli investimenti. Sono infatti tutti organizzati in una doppia struttura societaria, una immobiliare e l’altra dilettantistica, in affitto tra loro: risulta quindi più agevole e trasparente che esista una sola società sportiva dilettantistica ordinaria (lucrativa).
  8. Se aderissero 10.000 delle 70.000 ASD e SSD al nuovo progetto si avrebbe un gettito, rispetto a IVA, tassazione e previdenza, di un miliardo di euro.
  9. L’iter della legge si è svolto in più fasi:
    1. stesura condivisa con i vertici del CONI, l’Agenzia delle Entrate e il Ministero del Lavoro;
    2. il percorso della legge è passato attraverso almeno tre governi, ricominciando ogni volta daccapo;
    3. quando è stata approvata, come già detto, la legge aveva subito parecchi tagli facendole perdere le caratteristiche originarie. Infatti la trasformazione è diventata più costosa e quindi di interesse minore per le ASD e le SSD che intendano trasformarsi.

Secondo noi, comunque, gli articoli approvati sono integrabili e migliorabili, in modo da attrarre verso questa strada il maggior numero possibile dei centri sportivi lasciando totalmente nello stato normativo attuale tutte le ASD e SSD che non ritengono di poter affrontare tali oneri. Qualora, come preannunciato dal sottosegretario Giorgetti, la decisione fosse quella di tagliare gli articoli dal 353 al 361, andrebbero comunque salvati il 358 e parte del 359 che sono interamente a vantaggio normativo delle attuali ASD e SSD (migliore qualificazione dei contratti di compenso sportivo e amministrativo in modo che non vengano attaccati, come avviene oggi, dall’INPS che li ritiene contratti per professionisti a partita IVA).

In conclusione, crediamo che questa legge, pur con i suoi limiti dovuti ai tanti passaggi che ha dovuto subire, sia un’ottima base per arrivare a quella legge quadro tanto auspicata.

Nei 6 mesi che l’Associazione ha dedicato alla diffusione della legge, ci siamo resi conto che l’interesse della base è fortissimo e che le uniche voci contrarie erano quelle di alcune federazioni ed enti di promozione sportiva (spesso per motivi ideologici) che non sono però i soggetti a cui era destinata.

In conclusione, l’ANIF, proprio perché rappresenta le migliaia di centri sportivi che ogni giorno ricevono cittadini di tutte le fasce d’età, dai bambini delle scuole sportive ai giovani agonisti e campioni anche olimpionici, fino allo sport di base amatoriale che accompagna adulti e anziani verso un sano stile di vita, ha lottato per vedere attuato un progetto che crei investimenti sicuri, crescita dei livelli occupazionali e crescita dell’intero settore.

Ribadiamo ulteriormente che le SSDL avranno un maggior carico di tasse, IVA e contributi in cambio di poter essere aziende sportive dilettantistiche, creando notevole sviluppo. Invece le ASD e SSD rimarranno esattamente come sono sempre state, senza maggior onere burocratico, amministrativo, gestionale di nessun tipo e che anzi, grazie agli articoli 358 e 359 vedono riqualificati i contratti di compenso sportivo e amministrativo, ancora oggi, dopo quasi 20 anni, contestati dall’INPS.

Anche i temuti adeguamenti per il libro unico del lavoro erano stati risolti dal Ministero del Lavoro esonerando di fatto le sole ASD ed SSD da questa incombenza.
Il motivo per cui riteniamo che anche le società sportive dilettantistiche ordinarie (lucrative) debbano rimanere nel dilettantismo è che la loro origine e vocazione è e rimarrà sempre quella di operare nel mondo dilettantistico, agonistico e amatoriale.

Il nuovo panorama dei centri sportivi diverrebbe il seguente: associazioni sportive dilettantistiche – ASD, società sportive dilettantistiche a r. l. – SSD e società sportive dilettantistiche lucrative, SSDL.

legge sport

Caro collega,

come avrai saputo l’attuale Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, On. Giancarlo Giorgetti, ha annunciato che farà abrogare gli articoli dal 352 al 361 della Legge 205 del 27/12/2017.

Durante il convegno del CSI di venerdì 6 luglio a Roma con il Presidente Vittorio Bosio e l’On.Giorgetti, inoltre il Sottosegretario ha ribadito di essere contrario alle Società Sportive Dilettantistiche a scopo di Lucro.

Avendo lavorato al progetto ben quattro anni, ci siamo subito attivati per poter essere ricevuti dal Sottosegretario al fine di poter far conoscere le tante motivazioni che ci hanno spinto a intraprendere la strada di questo Progetto di Legge. Progetto che, come tutti sapete, nella nostra versione originaria era una vera e propria Legge Quadro, ma che durante l’iter per arrivare all’approvazione ha perso alcuni importanti articoli.

Ciò nonostante è stato un grandissimo passo in avanti per creare chiarezza, emersione, trasparenza e sviluppo, in un settore che conta ben 70.000 centri sportivi dilettantistici, che vanno dalle piccole associazioni di squadre sportive , ai grandi impianti polivalenti, tutti al servizio dei cittadini italiani.

Proprio perché convinti dell’importante Progetto, continueremo sulla nostra strada e cercheremo di rappresentare la nostra opinione condivisa con tutti voi, al fine di non perdere il lavoro fatto anzi, se possibile, migliorarlo per un futuro di sviluppo per i Centri Sportivi Italiani.

Essendo noi un’associazione di categoria, preferiamo lavorare con le Istituzioni per far valere le nostre idee. Lasciamo ad autorevoli giornali il doveroso compito di esternare pareri condivisibili. Vi alleghiamo perciò tre articoli di Fisco SportItalia Oggi e Sport Business Management 

Scarica l’articolo di Italia Oggi

Scarica l’articolo di Fisco Sport

Vai all’articolo di Sport Business Management

Vi aggiorneremo via via sugli sviluppi

La Direzione ANIF

1 giugno 2018 Sala Diotallevi – Rimini Fiera, presso RiminiWellness. La 6° tappa del ciclo di incontri di ANIF sarà a Rimini. “Ultime novità e aggiornamenti per l’applicazione della legge sulle Società Sportiva Dilettantistiche Lucrative”

società sportive dilettantistiche

Al Convegno di Ascoli Piceno si è parlato di gestione degli impianti con relatori di peso tra cui il celebre esperto di diritto associativo, Guido Martinelli.

Non capisco come ci si possa scandalizzare del lucro nello sport quando è entrato a pieno titolo anche nella riforma del terzo settore

Guido Martinelli

Il rituale convegno ANIF sulla riforma dello sport dilettantistico che si è tenuto questa volta ad Ascoli Piceno, il 2 maggio, è stato simbolico per la sede istituzionale, la Sala del Consiglio comunale, Palazzo Capitani, che ha assunto il valore di “chiamata” alle istituzioni nel sostenere lo sport lungo i suoi cambiamenti normativi e sociali. Questo infatti è stato il tema introduttivo, in linea con la mission che ANIF persegue, mentre la seconda parte, come di rito, si è focalizzata sullo scandaglio tecnico della legge 205/2017.

Abbiamo riassunto i passaggi più importanti di questa giornata dove il salotto istituzionale è diventato platea di istanze della società produttiva, quella che vuole investire nello sport senza nascondersi: il luogo ha portato con sè anche riflessioni sull’importanza dello sport per la società civile.

Valore sociale ed economico dello sport

Igino Cacciatori ha parlato al posto del sindaco Ascoli Piceno Guido Castelli, impossibilitato a partecipare, trasferendo il messaggio del primo cittadino sul valore sociale dello sport e la necessità che sia più fruibile sul territorio grazie ad una maggiore capillarità delle strutture. Gli ha fatto da controcanto il presidente dell’ordine dei commercialisti di Ascoli Carlo Cantalamessa che ha saputo incarnare il doppio ruolo istituzionale e professionale: un’associazione di categoria deve sapere sporcarsi le mani, “spendere la sua credibilità e scendere in campo per sostenere le associazioni sportive, associazioni che praticano un vero e proprio welfare di sostanza, che spesso sostituisce la scuola e la famiglia nell’educare le nuove generazioni”, ha detto Cantalamessa aggiungendo che, per lo sport, è importante sia una crescita economica sia una crescita sociale. Questa è la direzione della SSDL, la società sportiva dilettantistica lucrativa che vuole salvaguardare l’aspetto sociale dello sport, incrementando la crescita.

Vantaggi Società Sportiva Dilettantistica Lucrativa

Giampaolo Duregon, presidente ANIF ha precisato quanto la Società sportiva dilettantistica lucrativa sia stata pensata per le srl dilettantistiche (SSD) senza discriminare le ASD che hanno ricevuto vantaggi dalla riforma. come quello di elevare il tetto dei compensi esenti da contribuzione da 7.000 a 10.000 euro. I vantaggi pensati per le SSD ma fruibili anche per le società commerciali che vogliono trasformarsi in lucrative sono:

  • evitare esiti disastrosi dai controlli fiscali grazie ad una nuova giurisprudenza del lavoro che qualifica in modo chiaro il contratto (co.co.co) di lavoro nelle SSD e SSDL, sovente causa di pesanti sanzioni da parte dell’Agenzia delle entrate;
  • l’accesso al credito vantando asset proprietari;
  • possibilità di investimento e sviluppo che si ripercuote su tutto il settore e che permette di raccogliere il valore economico dei sacrifici imprenditoriali.

Gestione degli impianti, lucrativi e non

Armando De Vincentis, delegato CONI della provincia di Ascoli, anticipa la questione dell’importanza delle figure lavorative e la delicata questione della distinzioni tra professionisti e non professionisti nello sport. Il settore infatti lamenta una latitanza da parte dei legislatori che fino ad oggi non hanno mai inquadrato le peculiarità del lavoro, nel dilettantismo sportivo.
A questo vuoto la legge ha dato una risposta salutata da tutti i partecipanti relatori al convegno con estremo favore, tra cui spicca la relazione di Guido Martinelli, per la prima volta ad uno dei nostri convegni a cui ha partecipato per far sentire il sostegno del settore a questa riforma che, come lui stesso ha detto “può essere migliorata ma resta l’unica risposta” a questo problema, un cul de sac senza fine, principalmente con il merito di segnare una linea netta demarcazione tra le ASD che sono associazioni sportive dove ogni socio partecipa alla vita associativa, le SSD e le nuove SSDL che hanno una forma giuridica differente.

Martinelli: “La srl dilettantistica è un’impresa a tutti gli effetti”. Perché?

Secondo uno dei maggiori esperti in campo di diritto tributario e associativo le stesse regole non possono disciplinare le associazioni parrocchiali, le squadre sportive e gli impianti sportivi di grandi e medie dimensioni., eppure è ciò che è accaduto fin ora. Ecco perché c’era proprio bisogno di una giurisprudenza dedicata.

E continua

“Non capisco come ci si possa scandalizzare del lucro nello sport quando è entrato a pieno titolo anche nella riforma del terzo settore”.

Guido Martinelli, ancora, solleva le responsabilità dell’Agenzia delle entrate che dovrebbe riconoscere la natura delle srl dilettantistiche, differente da quella delle associazioni dilettantistiche: ha insistito sulla natura di impresa che è già presente nelle SSD perché il valore commerciale è insito nella possibilità di fare utili. La differenza d’altronde con le società lucrative sta nella possibilità di investire questi utili e di distribuirli ai soci.

Questo riconoscimento da parte di Martinelli è importante perché smonta le tesi su cui si basano operazioni di controllo indebite se si pensa che le SSD sono già un’impresa per legge, in particolare la Legge 289 del 2002, nota come Legge Pescante, portata all’approvazione sempre grazie all’impegno di ANIF che ha esteso le agevolazioni fiscali e lavoristiche concesse alle associazioni sportive anche alle società di capitali senza scopo di lucro.

Questioni irrisolte della società sportiva dilettantistica lucrativa

La SSDL è ancora una forma aperta perché alla sua applicabilità mancano all’appello le delibere CONI sull’introduzione nel registro del nuovo status giuridico e sulle discipline oggetto di contratti di collaborazione.

D’altronde, ci aspettiamo a breve l’intervento del CONI, come ricorda l’avvocato Alberto Succi, tra i massimi esperti di diritto sportivo e societario, che fa leva sulla natura di ente di diritto pubblico del CONI che, come tale, non può esimersi dall’applicare la legge: in questo caso la definizione dei profili lavorativi che la legge qualifica come rapporti di collaborazione.

E’ importante infine sottolineare come la qualifica di un rapporto di lavoro, comunque, tuteli dinanzi all’agenzia delle entrate e non è più equivocabile grazie alla legge 205/ 2017 che introduce la Società sportiva dilettantistica lucrativa.

Anche Yuri Zugolaro porta alla luce le controversie che un nuovo status giuridico normalmente solleva:

  • la rilevanza del triennio nella ripartizione degli utili ai fini di usufruire delle agevolazioni IRES: se nell’arco di tre esercizi commerciali le agevolazioni superano i 200.000 euro, l’anno in cui ciò avviene decade l’agevolazione. Nonostante ciò la somma si azzera dall’anno successivo e la buona notizia è che il calcolo ricomincia e si può rientrare, per i tre esercizi successivi, nelle agevolazioni (12% IRES);
  • la determinazione dei servizi ancillari allo sport, come massaggi, spa, merchandising e la loro assoggettabilità alle agevolazioni IVA;
  • la distinzione tra indoor e outdoor sempre rilevante per godere delle agevolazioni IVA.

Il 27 dicembre 2017 è stata emanata la Legge n.205 di Bilancio 2018 contenente la Riforma sullo Sport Dilettantistico, promossa da ANIF-Eurowellness, depositata alla Camera dall’ On. Daniela Sbrollini e recepita dal Ministro Luca Lotti nel cosiddetto “Pacchetto Sport” della Legge di Bilancio 2018.

LEGGE SPORT

Venerdì 23 marzo, a Milano, si è conclusa, intorno alle 17.00, la nuova tappa del ciclo di Convegni indirizzati alla presentazione della Società sportiva dilettantistica lucrativa (SSDL), il nuovo soggetto giuridico che si aggiunge allo status giuridico degli enti sportivi dilettantistici esistenti (Associazioni/Società sportive dilettantistiche), senza sostituirli.

Una nuova opportunità per chi opera nel settore che permette finalmente di uscire dai confini esistenti tra profit e no profit, a vantaggio di un’invocata chiarezza nell’ambito dello sport dilettantistico. La SSDL nasce dall’emanazione della legge n. 205 di Bilancio 2018 contenente la Riforma sullo Sport Dilettantistico, promossa da ANIF-Eurowellness, depositata alla Camera dall’On. Daniela Sbrollini e recepita dal Ministro Luca Lotti nel cosiddetto “Pacchetto Sport” della Legge di Bilancio 2018.

La formula del convegno ANIF, di presentazione istituzionale ed aggiornamento tecnico – gestionale sulla legge, ha preso piede anche a Milano dove, presso il Cosmo hotel di Cinisello Balsamo, la mattinata è stata scandita da interventi sulla funzione sociale, salutistica e di crescita del Sistema – paese, dello Sport, tenuti da relatori che rappresentano il settore nella sua polivalenza.

A partire da Simone Casiraghi, manager di Gclub Torri Bianche, che ha fatto gli onori di casa e Giampaolo Duregon, presidente di ANIF- Eurowellness, che ha ripercorso l’iter di consultazione e di approvazione della legge: un percorso che ha visto la concertazione di diversi enti come CSI, UNASS, Ministero del lavoro, Ministro dello Sport e CONI, un percorso prima laborioso che si è poi tradotto in una corsa, via via più snella, verso l’approvazione del 27 dicembre 2017.

“Dobbiamo essere coesi nel credere in questo grosso passo avanti per il settore” ha chiosato Giampaolo Duregon.

Ha preso poi la parola Vittorio Bosio, presidente di CSI nazionale, che ha insistito sulla coesione, con un appello alle istituzioni, CONI e Governo, perché facciano chiarezza, stabiliscano regole certe che governino l’associazionismo sportivo.

Il Convegno di Milano ha avuto il merito di declinare anche il tema dello sport inteso come tutela della salute che, grazie ad ANIF Lombardia, la prima delegazione territoriale ANIF, coinvolge sempre più il destino dei centri sportivi sul territorio. Ne ha parlato Massimo Cicognani, vicepresidente ANIF, che si occupa di sviluppare i rapporti con la Regione in un patto condiviso per il benessere dei cittadini. Il cittadino si ritrova al centro di un sistema di cura che include i centri sportivi, luoghi di prescrizione dell’attività fisica. Silvano Lopez, direttore sanitario di ATS Brianza ha aggiunto che il protocollo integra la filiera del sociale con quella sportiva e socio sanitaria: la palestra diventa un “presidio sanitario”, a seguito di un percorso di “modellizzazione” in cui si avviano i centri sportivi alla gestione del welfare.
La mattinata si è conclusa con Luca Businaro, presidente Confindustria Federvarie che ha parlato della necessità di una direzione del Paese chiara e forte dove anche lo sport trovi ampio respiro e spazio di manovra per la crescita del Paese.

Gli aggiornamenti del pomeriggio, portati avanti da i tre professionisti che sono oramai il cuore di questi momenti formativi di cui ANIF continua a farsi promotrice, per la crescita culturale dei centri sportivi, hanno affrontato dubbi e perplessità che, naturalmente, si accompagnano ad un nuovo soggetto giuridico, considerata l’importanza cruciale che la chiarezza normativa assume nello sport dilettantistico.

Alberto Succi, esperto di diritto sportivo, da sempre al fianco di ANIF e della sua base associativa, ha esaminato la legge e i punti di forza per il settore, tra cui, in particolare, la qualifica “ex lege” dei lavoratori sportivi come rapporti di collaborazione coordinata e continuativa.

Resta una questione aperta, quella con l’Ispettorato del lavoro su cui ANIF sta lavorando, in merito all’iscrizione al Lul. Vi terremo aggiornati su questo aspetto.

Yuri Zugolaro, esperto tributario fiscale in riferimento al trattamento fiscale (IRES al 50% e IVA al 10%) per la nuova SSDL si è soffermato sulla natura dei servizi di carattere di sportivo che beneficerebbero delle agevolazioni.

Andrea Mancino, coordinatore Commissione fiscale del CONI, ha chiarito in parte, in attesa della delibera ufficiale, le potenziali attività lavorative che rientrerebbero nel nuovo inquadramento contrattuale. E’ naturale che le caratteristiche di costanza e ripetitività dell’attività siano quelle maggiormente discriminanti.

riforma sport

LA RIFORMA DELLO SPORT DILETTANTISTICO – SOCIETÀ SPORTIVA DILETTANTISTICA LUCRATIVA

Palermo

CONI SICILIA

28 FEBBRAIO 2018

Il 27 dicembre 2017 è stata emanata la Legge n.205 di Bilancio 2018 contenente la Riforma sullo Sport Dilettantistico, promossa da ANIF-Eurowellness, depositata alla Camera dall’On. Daniela Sbrollini e recepita dal Ministro Luca Lotti nel cosiddetto “Pacchetto Sport” della Legge di Bilancio 2018.

Nel nuovo quadro creato dalla Legge di Bilancio la grande novità sportiva è rappresentata dalla creazione di un nuovo soggetto giuridico che si aggiunge e non sostituisce lo status giuridico degli enti sportivi dilettantistici esistenti (Associazioni /società Sportive dilettantistiche).

Fino al 2017 la promozione di attività sportive era demandata ad Enti associativi “No Profit” e a Società commerciali, dal 1° gennaio è affidata pertanto anche alle nuove srl sportive dilettantistiche profit denominate “Società Sportive Dilettantistiche Lucrative”.

Il 2018 si apre quindi con un importante risultato atteso da molti organismi dello sport dilettantistico che finalmente potranno agire imprenditorialmente, liberi di investire nella pratica sportiva e nell’attività fisica volta al benessere psico – fisico del cittadino, fornendo un impulso determinante alla crescita dell’intero settore.

Il 31 gennaio u.s., alle ore 11.00, presso la sede di ANIF NAZIONALE, nel Forum Auditorium, in Roma – Via Cornelia 493, è STATA presentata da ANIF con la presenza dell’On. Sbrollini la nuova normativa alla base associativa.

L’impegno dell’Associazione però non è terminato. Sono seguiti infatti una serie di incontri territoriali volti ad illustrare ed approfondire gli aspetti tecnici della nuova normativa con il supporto di professionisti di alto profilo coordinati dall’avv. Alberto Succi: Bologna, 23 febbraio Forum club.

A Palermo, IL 28 febbraio 2018, presso il CONI Sicilia, Salone del Consiglio, in via Notarbartolo, 1/G, con registrazione alle 9.30, si terrà un terzo Convegno sulla:

“Riforma dello Sport Dilettantistico – Società Sportiva Dilettantistica Lucrativa”

Verranno quindi sciolti i dubbi e perplessità esistenti e indicate le linee guida, su cui stanno già lavorando i tecnici ANIF, da percorrere nella costruzione di questo nuovo modello di impresa sportiva. Un’impresa, quella lucrativa, che è bene rammentare, consentirà al settore di uscire finalmente dal pericoloso terreno su cui è stata costretta ad agire fino ad oggi, dove gli incerti confini esistenti tra profit e no profit hanno sempre consentito agli Organi di Controllo di agire sempre e comunque a scapito delle Associazioni/Società Sportive Dilettantistiche senza scopo di lucro.

Oggi esiste uno strumento che consentirà agli imprenditori di porre fine a questo equivoco.

GUARDA IL VIDEO DELL’EVENTO