personal trainer mercato

Lo studio sui Personal trainer di ISM 2017

Statistiche, analisi e dati, sembra che siano fluttuanti algoritmi che tendono ad annullarsi tra loro senza poi fornire una chiara lettura di un fenomeno: la differenza la fa la correlazione perchè ad una semplice occhiata possiamo non renderci conto dell’importanza di alcune statistiche ma poi se incrociamo i dati il focus si delinea in modo netto.

Niels Gronau, fondatore di un’importante società di ricerca tedesca, ha esposto i risultati di uno studio sui Personal trainer in Europa, durante l’8° International Standards Meeting che si è tenuto a Roma, al Forum Sport Center. L’evento, incentrato sugli standard della formazione di istruttori e personal trainer, ha fornito spunti di dibattito interessanti su un mercato ancora avvolto un po’ nella nebbia della conoscenza.

Sono emersi alcuni aspetti che tracciano dei solchi culturali da riempire a tutti i costi se l’obiettivo di questo settore è quello di aumentare le cifre della crescita. La popolazione cambia: valori, stili di vita e aspettative e, come spesso accade, nella legge della domanda e dell’offerta, la seconda spesso perde il fine tuning con la prima e finisce per perdere di vista aree di opportunità.

Chi è il personal trainer

Identikit PT in Europa. Il personal trainer in Europa è un lavoro che tende a differire molto, da paese a paese, su alcune variabili mentre su altre presenta delle forti regolarità. Ad esempio, in base alla ricerca effettuata, la maggiore presenza di questa figura si registra nel Regno Unito, confermando una consolidata tradizione del fitness anglosassone, seguita dall’Italia e dall’Olanda. Grande discrepanza si registra in merito al genere: se nei paesi scandinavi (Finlandia e Norvegia) la maggior parte dei personal sono donne, paesi dell’area mediterranea, come Italia e Spagna, ha una percentuale quasi schiacciante di uomini rispetto alle donne. Per quanto riguarda il paese che possiamo definire un avamposto del settore, il Regno Unito, anche qui la distribuzione è a favore degli uomini che sono circa il 70% del totale (dei partecipanti alla ricerca).

Età dei personal trainer e location dove si trovano ad esercitare sono due variabili uniformi in Europa: il PT in Europa ha un’età compresa tra i 21 e i 40, mentre dopo i 40 il personal trainer tende ad abbandonare o a cambiare lavoro. Inoltre sembra che la maggiore distribuzione dei nostri promotori della forma fisica sia in città con più di 500.000 abitanti.

Inoltre la maggior parte dei personal trainer hanno un lavoro part time ma la percentuale di lavoratori del settore a tempo pieno cresce in Gran Bretagna dove più del 50% dei personal lavorano full time, indice di un mercato ben sviluppato.

La concorrenza. Le tariffe più basse sono applicate dai PT che vivono in Irlanda (30 euro), Spagna ed Italia (35 euro) che sono al di sotto della media Europa di 50 euro mentre i personal più esosi sono in Svizzera con una tariffa media di 119, 2 euro. Colpisce il dato del Regno Unito di 42, 7 euro che è indicativo anche di una forte crescita del mercato e, di conseguenza, dell’alto livello concorrenziale che non ha portato ad un aumento dei prezzi esponenziale.

Soddisfazione verso il proprio lavoro. L’85, 7% dei Personal trainer ritiene estremamente importanti le soft skills nel proprio lavoro ovvero le capacità comunicative e relazionali. Pochi però si rendono conto di quanto queste siano collegate alle tecniche di vendita in quanto le possibilità di guadagno sono all’ultimo gradino delle ragioni che alimentano la loro soddisfazione sul lavoro. Cos’è che li rende soddisfatti di svolgere questa attività lavorativa, dunque? Principalmente si tratta di motivazioni intrinseche che non hanno a che vedere con la remunerazione tanto che un alto livello di soddisfazione nel proprio lavoro si registra anche laddove le tariffe si mantegono bassine: in Irlanda infatti c’è una soddisfazione elevata tanto quanto in Svizzera.

Il 61,9% dei PT intervistati ritiene che la possibilità di aiutare altre persone è ciò che li rende più soddisfatti insieme alla passione ed il lato divertente di lavorare nello sport.

Aree di opportunità e sviluppo

Se si analizzano le aree di offerta prevalente e quelle in cui i personal trainer individuano maggiore opportunità attuali e future, si rileva un certo gap: l’offerta di servizi si concentra su functional training, consulenza nutrizionale, cardio ecc. tutte aree poco specialistiche, rivolte ad una popolazione generalizzata.

Se, al contrario, si chiede ai personal trainer di indicare le aree di maggiore opportunità ecco che la maggiore rilevanza viene data a: prevenzione e cura della salute, popolazione anziana, stili di vita, insomma l’area del fitness medicale che interessa una popolazione “speciale”, sempre più crescente a causa del dilagare delle patologie metaboliche e dell’invecchiamento della popolazione europea.

Dunque, sono gli stessi PT ad avvertire questo gap tra i servizi che tendono a erogare e quelli che, pur rappresentando un’opportunità di crescita, sono carenti.

Cosa bisognerebbe fare per colmare questo gap? Questi dati sono importanti perchè segnano un’onda di crescita, non ancora cavalcata e devono suggerire anche i relativi mezzi per cavalcarla, quali?

  • Migliorare le policy educative per i trainer e i personal trainer, integrando i programmi con una formazione più specialistica che un operatore del fitness medicale deve possedere.
  • Maggiore sensibilizzazione sul piano istituzionale perchè le istituzioni prevedano programmi  e finanziamenti al settore sport e attività fisica per il suo valore di tutela della salute.

Con EuropeActive stiamo portando avanti proprio questi temi che, parallelamente alla sensibilizzazione sociale e istituzionale, sono sempre più declinati nelle policy formative, negli standard educativi come ad esempio quelli certificati da EREPS, che aspirano proprio ad uniformare il livello educativo degli istruttori fitness in Europa.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento