DIFENDERE IL SETTORE DAGLI ATTACCHI INGIUSTI E PORTARLO A SVILUPPARSI COME MERITA.
ECCO PERCHE’ FAR PARTE DELLA TUA ASSOCIAZIONE DI CATEGORIA

Caro Collega,

ANIF – Eurowellness (Associazione Nazionale Impianti per il Fitness & per lo Sport) è un’organizzazione NO Profit affiliata a Confindustria Federvarie che rappresenta e tutela sul piano gestionale, normativo, fiscale e amministrativo gli interessi dei gestori e dei proprietari dei centri sportivi italiani.

L’Associazione è nata nel 1996 e negli anni, soprattutto dopo il 2001, ha acquisito una credibilità tale da consentirle di realizzare importanti risultati sul piano dei rapporti con le Istituzioni di riferimento (Agenzia delle Entrate, Ministero delle Finanze, Ministero del lavoro, INPS, SIAE, CONI, ecc.).
I successi di ANIF  realizzati dalla “Legge Pescante” in poi sono molti e in questa sede non posso soffermarmi in una loro dettagliata descrizione.
Per soddisfazione personale desidero solo accennare ai risultati ottenuti negli ultimi tempi: l’esenzione IMU per gli impianti sportivi italiani dilettantistici e il chiarimento formale del Ministero del Lavoro riguardo alcune problematiche di carattere giuridico sulle realtà occupazionali delle AS/SSD.
Le istanze di ANIF (e del settore) da me sostenute con grande determinazione presso le Direzioni Generali del Ministero del Lavoro e dell’INPS, circa la preoccupante azione intrapresa dall’INPS riguardo i contratti di lavoro vigenti nel mondo dello sport dilettantistico (“compensi sportivi” percepiti dai tecnici ed allenatori di cui all’art.67 del TUIR), sono state infatti pienamente accolte.
Le nostre puntualizzazioni sulla piena regolarità dell’applicazione di tali contratti sono state formalizzate attraverso una circolare emanata dalla Direzione Generale del Ministero del Lavoro in data 21 febbraio 2014, inviata alla Direzione Centrale Entrate INPS ed alla Direzione Centrale Vigilanza, Prevenzione e Contrasto dell’Economia Sommersa INPS.
Purtroppo in questa azione ANIF si è trovata a portare avanti la sua battaglia potendo contare solo ed esclusivamente sulle sue forze. Pertanto mi sono reso conto che per rendere sempre più efficace il nostro impegno a favore di tutto il settore sport non possiamo affidarci solo alla nostra credibilità, professionalità, determinazione.
Sono del parere che occorra fare quadrato a difesa del settore e creare “massa critica” coinvolgendo una base sempre più ampia e preparata in grado di dialogare con cognizione di causa con tutte le categorie professionali.
La condivisione di una linea politica in ordine alle problematiche che via via sorgono sul piano gestionale, fiscale, giuslavoristico, consentiranno così al settore di prendere piena coscienza dei propri diritti.
Da qui nasce l’idea di organizzare una serie di incontri territoriali informando non solo i nostri soci (sui quali siamo certi di poter sempre contare) ma anche e soprattutto quei centri sportivi non affiliati che non hanno avuto ancora modo di conoscere le potenzialità del nostro ente.
Ai soci chiediamo quindi la collaborazione per coinvolgere i colleghi a loro più vicini a partecipare a queste riunioni volte da un lato a rafforzare ed ampliare i rapporti con la base associativa e dall’altro ad approfondire temi assolutamente innovativi.
Il nostro percorso inizierà il 14 marzo a Roma e proseguirà fino al mese di giugno p.v. (in all. programma e calendario degli incontri ).
Credo molto nel lavoro in cui ANIF è fortemente impegnata con tutta la sua struttura operativa, ma credo anche che un ulteriore importante risultato potrà essere realizzato solo se i nostri soci creeranno una potente cassa di risonanza rivolta all’esterno della nostra base associativa.
Mi è gradita l’occasione per inviarti cordiali saluti.

 

GIAMPAOLO DUREGON
Presidente ANIF-EuroWellness

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento