welfare partecipato

ANIF ha firmato in Lombardia l’Accordo Territoriale per un Welfare partecipato

Nel giugno del 2016 l’ATS della Brianza, la Conferenza dei Sindaci e molti altri soggetti del territorio che operano per il benessere della popolazione si sono impegnati a dare risposte coordinate alla comunità in campo sanitario e socio sanitario.

In quell’occasione è stato sottoscritto l’Accordo Territoriale per un Welfare Partecipato.
Lunedì 23 ottobre 2017, presso l’aula conferenze di Villa Serena – ASST Monza si è svolto un intenso pomeriggio di lavoro con i soggetti del sistema per valutare i risultati raggiunti, le difficoltà incontrate, i progetti futuri e per conoscere i nuovi sottoscrittori dell’accordo.

All’incontro hanno partecipato l’ATS, le ASST, Ospedali, le Associazioni di settore e categoria, Medici e Farmacisti, numerose Cooperative e RSA, Sindacati, Comuni, Cittadinanzattiva, alcune Associazioni di volontariato e ANIF. Tutti questi soggetti si sono riproposti di lavorare insieme per soddisfare i bisogni dei cittadini ed è la prima volta in assoluto che un’Associazione nazionale, quale è ANIF, sottoscrive un accordo di questo tipo.

Il “padrone di casa” e Direttore dell’ASST di Monza, Matteo Stocco, ha aperto il Convegno ringraziando i presenti, tra cui il Procuratore Capo di Lecco Antonio e il Vicario Direttore Generale Welfare Tommaso Russo, oltre ai Direttori e ai diversi gruppi di lavoro degli altri enti.

Il Vicario Direttore Generale Welfare Tommaso Russo ha portato i saluti della Regione ed elogiato l’impegno dei partecipanti: “Il vostro lavoro dimostra che si sono messe in moto energie e carichi importanti. Dopo una prima fase di progettazione, siamo già operativi con la vera presa in carico fatta di azioni reali, che incidono concretamente nella vita dei pazienti e dei cittadini. Momenti di confronto come questo arricchiscono il percorso, i vostri spunti sono di notevole interesse per tutta la Regione!”.

Maria Antonia Molteni, Presidente del Consiglio di Rappresentanza dei Sindaci dell’ATS, ha detto: “I Comuni che rappresento vogliono essere propulsori di questa riforma sui territori nel ruolo di informazione, spinta e coordinamento tra i vari livelli!”

Il Direttore Sanitario dell’ATS Brianza Silvano Lopez ha introdotto i lavori: “È questo un momento importante, a poco più di un anno dal patto che insieme abbiamo stretto per il territorio… Un accordo voluto, perseguito e realizzato proprio sulla scorta della L.R. 23, una legge di evoluzione che sta cambiando e cambierà sempre di più il paradigma del sistema: dalla cura al prendersi cura.

Per fare questo deve esserci collaborazione, condivisione da parte di tutti gli attori del territorio che si fanno carico del benessere dei cittadini e il nostro patto integra proprio questa esigenza. In quest’ottica ognuno deve portare proprio il sapere, la propria esperienza e anche i dubbi, così da rafforzare la risposta globale ai bisogni della popolazione: fare sistema per generare benessere.

Il convegno si è articolato intorno ai tre principali obiettivi dell’Accordo Territoriale. Per ciascuno sono stati esposti alcuni esempi di gruppi di lavoro e relative attività svolte, con i risultati e gli obiettivi per i prossimi mesi.
Sono stati esposti i lavori del Gruppo di Miglioramento Accessi al Pronto Soccorso e del Dipartimento Interaziendale tra ATS e le ASST di Informazione, Accesso alle Cure e Continuità Assistenziale.

Nell’ottica di “garantire la continuità assistenziale”:

  • si è parlato delle azioni relative al Governo, della domanda-cronicità con l’intervento del Dr. Pierfranco Ravizza, Presidente dell’Ordine dei Medici di Lecco;
  • la Dott.ssa Liberata Dell’Arciprete, Segretario Regionale di Cittadinanzattiva, ha mostrato i dati relativi al progetto di rilevazione civica Dimissioni Protette;
  • sono stati presentati i lavori relativi ai Presidi Socio Sanitari Territoriali (PreSST) della Valsassina, con l’intervento del Presidente di Federfarma Lecco Andrea Braguti, del Presidente di AUSER Luisa Ongaro e del PreSST di Meda.

Infine, relativamente all’obiettivo di “promuovere la cultura della prevenzione dei cittadini” si è parlato dell’impegno contro il tabagismo del gruppo di lavoro e dell’esperienza dei numerosi gruppi di cammino dei diversi Comuni.

Alla fine del pomeriggio hanno posto la loro firma sull’Accordo tre nuovi soggetti del sistema territoriale: Network Occupazione Lecco, Unisalute e ANIF, Associazione Nazionale Impianti e Fitness.

Mauro Gattinoni, Presidente di Network Occupazione, organizzazione che unisce le associazioni datoriali (ANCE, API, Confindustria, Confartigianato, Confcommercio) e sindacali (CGIL, CISL, CST UIL) del territorio ha spiegato: “Il nostro mondo è vicino essendo parte dello stesso sistema territoriale. Già collaboriamo, per esempio, con il progetto alternanza scuola-lavoro, e sempre più vogliamo integrare il nostro impegno”.

Il Direttore Generale di Unisalute Fiammetta Fabris ha evidenziato: “La nostra compagnia, la prima a lavorare con assicurazioni specifiche in ambito sanitario e già presente a Lecco e Monza con più di 200.000 persone, è disponibile a coordinare le azioni seguendo l’obiettivo di creare un valore aggiunto per i cittadini. Abbiamo creato un percorso proprio legato alla nuova presa in carico, per aiutare gestori e pazienti”.

Massimo Cicognani, Vice Presidente di ANIF, ha raccontato: “Anche oggi ho sentito come la prevenzione abbia un valore molto importante per voi; il nostro pezzo si inserisce per contribuire al benessere dei cittadini. I nostri sono, sempre di più, dei centri di cultura del benessere e della salute. Questo determina anche un grande risparmio per il sistema sanitario!”.

L’appuntamento è all’anno prossimo per la presentazione dei risultati di altri progetti sempre più integrati, che coinvolgono settori diversi, ma sempre orientati alla salute e al benessere del cittadino.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento