benefici azienda attività fisica

Dei benefici sulla produttività lavorativa dei dipendenti se ne è parlato addirittura al Nasdaq Stock Market, tempio della produttività e oggetto di uno studio dell’American College of Sport Medicine che ha analizzato i benefici della promozione dell’attività fisica, in termini di incremento degli obiettivi di produttività e di riduzione dei costi per la salute dei dipendenti, a favore, dunque delle spese aziendali.

In Italia, studi scientifici che dimostrano, ad esempio, la riduzione dell’assenteismo sul luogo di lavoro, associato all’attività fisica, sono stati condotti da Epicentro, il portale dell’epidemiologia per la sanità pubblica, a cura del centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell’Istituto superiore di sanità.

Rispetto al benessere dei dipendenti, una delle prime esaustive analisi è stata pubblicata sull’American Journal of Preventive Medicine che considera 138 studi primari effettuati dal 1969 al 2007 che nell’insieme hanno coinvolto oltre 38 mila persone. Gli studi dimostrano l’incidenza dell’attività fisica, da alternare alla routine lavorativa, su: riduzione del rapporto tra colesterolo totale e colesterolo Hdl, della glicemia a digiuno e del rischio di diabete.

Già a partire già dagli anni ’90 cresce la sensibilità per la salute e l’attività fisica della popolazione sia come cittadini sia da come dipendenti sui luoghi di lavoro. Sono i datori di lavoro a cominciare a sentire l’importanza della promozione dell’attività fisica tra i dipendenti, in quanto associata ad un insieme di benefici per i lavoratori ma anche per l’azienda: si parla di benefici concreti come la diminuzione di assenze per malattia e la garanzia di organici più efficienti e motivati.

Attività fisica: benefici aziendali

Dunque riduzione dell’assenteismo sul lavoro e non solo. Ecco i benefici per azienda e lavoratore dell’attività fisica.

  1. Riduzione dell’assenteismo e miglioramento della produttività
    Uno studio riportato da Randstad afferma che i Top Employers Americani, investendo sulla felicità dei propri dipendenti, hanno assistito ad una riduzione dell’assenteismo per la malattia dal 4,3% al 2,9%.
  2. Benessere psico – emotivo
    Gli stessi studi convergono su un altro aspetto, correlato, ma importante al punto tale da creare valore aggiuntivo. L’attività fisica può migliorare le prestazioni psico-fisiche, un risultato importante, se si pensa che la depressione in Europa è tra le principali cause di astensione dal lavoro – specialmente tra le donne.
    Quando pratichiamo esercizio fisico, difatti, il nostro cervello rilascia endorfine, un particolare ormone che agisce in modo simile ad un antidepressivo, e ci fa sentire più sereni e rilassati. L’esercizio fisico è un efficace trattamento per depressioni lievi e moderate. Inoltre riduce le alterazioni fisiologiche associate all’ansia, come il battito cardiaco accelerato e la respirazione affannosa.
  3. Miglioramento dell’immagine aziendale. 
    Secondo il Randstad Workmonitor ben il 78% dei dipendenti italiani, contro il 70% della media globale, rende di più in ufficio proprio grazie allo sport. In India i lavoratori hanno un’immagine molto positiva dei loro datori di lavoro che nell’82% dei casi attuano politiche per tutelare la salute psico – fisica dei loro dipendenti: tra queste misure il 54% dei datori di lavoro offre sconti e benefit per fare attività fisica, generando una corrispondenza tra la percezione positiva dei datori di lavoro e l’offerta di attività fisica. Gli studi dell’INAIL e Randstad già menzionati oltre ad una vasta letteratura sul tema negli ultimi 10 anni dimostra che le politiche di promozione dell’attività fisica migliorano l’immagine aziendale e quindi anche la fedeltà dei dipendenti.
sport e politica

Vi segnaliamo questo articolo de Il Sole 24 ore che analizza i rapporti tra lo sport e la politica, rispetto all’attuale classe dirigente oltre che di respiro generale.

Scarica qui l’articolo

 

attività fisica anziani

L’attività fisica ha un ruolo importantissimo nel prevenire e curare molte patologie ma è davvero per questa ragione che scegliamo di convertirci ad una vita attiva? Se la tua risposta è no, ricorda che gli effetti positivi dell’attività fisica sono ad ampio spettro e coinvolgono anche il benessere psicologico e le funzioni cerebrali. Da tempo infatti la medicina ha integrato, tra le pubblicazioni a favore degli effetti dell’attività fisica anche quelli sulla mente e si parla infatti di healthy lifestyle = healthy brain, ovvero uno stile di vita salutare comporta un cervello performante. Anche il cervello deve essere attivo e va allenato!

Se poi parliamo di anziani l’attività fisica diventa ancora più rilevante perché èrappresenta uno dei modi migliori per migliorare il benessere psicologico nella terza età mentre, persino pochi minuti di esercizio fisico leggero possono aumentare l’aspettativa di vita e migliorare le funzioni cerebrali.

Se molto, anzi moltissimo, è stato detto in merito ai benefici dell’attività fisica, forse, ancora poco si parla degli effetti dell’inattività fisica: una questione che non può essere solo speculare ma che le evidenze scientifiche hanno portato alla luce come peculiare. Una ricerca canadese del Dipartimento di Chinesiologia al Mc Master University di Ontario ha indagato gli effetti metabolici dell’inattività fisica, in particolare quelle sul diabete.

Gli effetti dell’inattività fisica sugli anziani con prediabete

La ricerca ha coinvolto un gruppo di persone tra i 60 e gli 85 anni a cui era stato precedentemente diagnosticato il prediabete. Questo gruppo non aveva svolto nessuna forma di attività fisica per due settimane durante le quali sono stati monitorati parametri come il livello di zucchero nel sangue.

Risultati

  • Evidente fin da subito è stata la debolezza a livello muscolo scheletrico e la decrescita della forza.
  • Quel che ha destato maggiore preoccupazione è stata l’insorgenza inequivocabile dei primi segni del diabete.
  • Quella che è stata purtroppo inattesa è l’impossibilità di recuperare una situazione di partenza anche a seguito della ripresa dell’attività fisica.

Insomma restare inattivi per 2 settimane per un anziano significa regredire sul piano della salute e questa ricerca dimostra in modo tangibile gli effetti dannosi dell’inattività, l’assenza di movimento. Potrebbe sembrare scontato se non fosse che gli effetti, oltre ad essere nocivi, sono irreversibili perchè il ritorno ad una situazione pre – inattività è difficilmente attuabile.

Non solo quindi l’attività fisica fa bene alla salute ma l’inattività fisica nuoce gravemente alla salute!

Ad esempio, uno dei parametri nel gruppo di anziani che si era modificato era l’insulino resistenza e la spiegazione da parte dei medici della ricerca stava nel fatto che “Se le persone restano sedentarie per un lungo periodo, dovranno lavorare attivamente per recuperare la loro capacità di gestire gli zuccheri nel sangue“, come affermato dal Prof. Phillips.

Tra le azioni che potrebbero portare l’anziano al precedente stato di salute ci sono strategie come la riabilitazione attiva, cambiamenti nella dieta e forse dei farmaci.

In ogni caso lo studio e soprattutto quest’ultima affermazione continuano ad essere la conferma che l’attività fisica rappresenta un farmaco naturale ed in molti casi alternativo alla terapia farmacologica tradizionale.

let's beactive

Il progetto Let’s #BeActive è entrato nel vivo della lotta senza quartiere alla sedentarietà: dal 23 settembre, data di partenza della Settimana Europea dello Sport, è possibile prenotare il proprio percorso di allenamento gratuito che ogni sedentario potrà svolgere nei 70 club che hanno aderito al progetto, su tutta Italia. ANIF ha promosso la campagna di sensibilizzazione su diverse testate online, a partire dalle maggiori, come Adnkronos, che ha pubblicato un comunicato stampa e un articolo sull’evento, Libero quotidiano, il Corriere dello sport, il Tempo, Ansa, ,

Di seguito potete consultare gli articoli sul progetto Let’s #BeActive cliccando sui seguenti link:

Adnkronos

Libero quotidiano

Corriere dello sport

Ansa

Tuttosport

Il Tempo

Padova news

Affari Italiani

Tiscali.it

Libero quotidiano

La Voce di Novara

Studio Cataldi

Roma Virgilio

Milano Virgilio

Firenze Virgilio

Bologna Virgilio

Genova Virgilio

Napoli Virgilio

Palermo Virgilio

Verona Virgilio

Bergamo Virgilio

Torino Virgilio

Modena Virgilio

Parma Virgilio

Siena Virgilio

Pescara Virgilio

Frosinone Virgilio

Bari Virgilio

Lecce Virgilio

Crotone Virgilio

Catania Virgilio

 

convegno sport

La formula del Summit è cara ad Acquanetwork, associazione di operatori, professionisti, imprenditori e manager del settore acqua e piscine, un’opportunità piuttosto unica nel suo genere, un rassemblement dello sport in ogni sua valenza e rappresentanza. Il summit 2018 del 26 e 27 settembre sarà dominato da personalità del mondo sportivo professionistico che spesso fanno da ponte con il mondo dilettantistico. La forza del summit sta proprio nel dare la parola a persone, uomini e donne dello sport, come testimonianze dirette delle strategie, risorse e molteplici attività che un’associazione/società sportiva deve affrontare per permettere ad un atleta di crescere e affermarsi nella sua disciplina sportiva. Insieme, dunque, ad interventi di relatori di spicco che provengono dall’imprenditoria del settore Piscine e impiantistica sportiva in generale, si affiancheranno dei focus sulle star dello sport, grandi uomini di sport, manager di successo e imprenditori che si auto – racconteranno.

Nella Sessione SPORT STARS di mercoledì 26 che si terrà alle 15.45 si parlerà di “come si costruisce un campione”, un momento particolarmente atteso per la presenza di big dello sport e di coloro che li hanno affiancati nei momenti più delicati da atleta: da Stefano Arcobelli, Responsabile sport acquatici Gazzetta dello sport a Giorgio Lamberti, ex primatista e campione del mondo 200 Stile Libero ad Umberto Pellizzari, campione del mondo di Apnea e molti altri. Senza soluzione di continuità è sempre un grande ex campione di canoa come Oreste Perri, oggi presidente del CONI Lombardia a dare voce all’altra faccia dello sport, il mondo dilettantistico le cui esigenze e necessità saranno espresse in più sessioni del Summit: “Da sport per tutti a Sport d’elite, includendo nuove categorie di popolazione sensibili alla cultura del movimento” vedrà gli interventi di autorità degli Enti di Promozione Sportiva e del CONI, ad interpretare le istanze dello sport dilettantistico, voci plurali che di sicuro forniranno uno spaccato completo di un mondo composito ma con esigenze convergenti.

Una delle più attese è forse “Sport, norme e fisco” dove anche ANIF con il presidente Giampaolo Duregon e l’Avv. Alberto Succi, esperto di diritto sportivo e societario, sarà presente per informare sui cambiamenti nel quadro normativo che interessa le ASD e SSD alla luce delle ultime novità e fornire risposte concrete ad un settore che in questo periodo si ritrova ad affrontare diverse incertezze.

L’abolizione della società sportiva dilettantistica lucrativa ad opera del Decreto Dignità del 12 luglio 2018 e la Circolare 18/E del 1 agosto hanno cancellato alcune innovazioni apportate dalla Legge di Bilancio nel settore rovesciandone il paradigma lasciando nell’indeterminatezza l’annosa questione dei compensi lavorativi che la legge 205/2017 sullo sport dilettantistico aveva tentato di riordinare.

Oggi più che mai è dunque sentita e accolta con estremo entusiasmo una kermesse ecumenica come quella di Acquanetwork che il suo Presidente, Manuela Lovo affiancata da suo imprescindibile  Vice Presidente con delega agli eventi, Marco Tornatore, hanno reso possibile, dove le molteplici voci potranno fare da contralto alle numerose domande provenienti dal settore sport.

Iscriviti al Summit 

Scarica il programma 

 

let's be active

Riscopri il piacere di MUOVERTI con 6 settimane di FITNESS gratuito, OVUNQUE.

Cosa ti rendeva felice da bambino? Forse correre intorno ad un albero, o prendere velocità in bici controvento, o forse sollevare chili di sabbia dal bagnasciuga per dare forma alla tua dimora di sabbia perfetta.

Muoversi è naturale ed è la metafora stessa della FELICITA’.

Allora cosa aspetti?

Se hai tra i 18 e i 55 anni, non fai attività fisica da un anno e più o non l’hai mai fatta, è ora di cambiare e di riscoprire la felicità di muoverti con Let’s #BeActive!

Cosa succede se ricominci a muoverti?

  • Migliori la tua salute, prevenendo tumori, infarti, ictus ed altre malattie croniche!
  • Ti senti più in forma, bruciando i grassi!
  • Migliori i tuoi voti agli esami!
  • Aumenti la concentrazione a lavoro!
  • Accresci la tua autostima!
  • Conosci nuovi amici!

Partecipa a Let’s #BeActive, 6 settimane di attività fisica* gratuita per te, in tutta Italia, insieme ad una app dedicata al tuo allenamento con cui sarai seguito, OVUNQUE, da un istruttore. Potrai monitorare insieme a lui i risultati raggiunti sia sulla tua salute sia sulla tua forma fisica: vedrai il tuo corpo, la tua vitalità, la tua energia mentale e il tuo umore migliorare a vista d’occhio! Non è mai troppo tardi per rivoluzionare la tua vita: lo sport è una rivoluzione ad ogni età e riscoprirlo è un dovere verso la propria felicità perché sviluppa endorfine e verso la propria salute perché previene e cura ipertensione,  sovrappeso, obesità, diabete insieme al 46% dei tumori.

Partecipare è semplice.

  1. Prendi un appuntamento con la salute presso il centro sportivo prescelto, a partire dal 1 ottobre.
  2.  Ti attenderà il tuo tutor/referente che, dopo un breve colloquio, ti dedicherà un programma personalizzato di benessere, gratuito per 6 settimane.
  3. Comincia a muoverti! #BeActive!

 

*2 ingressi a settimana in un centro sportivo a tua scelta tra quelli aderenti

legge sport

Breve sintesi dei motivi che hanno portato ANIF a promuovere la legge 205, del 27 dicembre 2017

L’ANIF, Associazione Nazionale degli Impianti Sportivi Italiani, ha sentito l’esigenza 4 anni fa di intraprendere la strada per un progetto di riforma, attraverso una legge quadro che si occupasse della gestione degli impianti sportivi dilettantistici.

Motivi del progetto

  1. Maggiore chiarezza sull’attuale normativa che comprende:
    a. le associazioni sportive dilettantistiche senza fini di lucro (ASD);
    b. le società sportive dilettantistiche a r. l. senza fini di lucro (SSD).
  2. Ridurre le continue verifiche fiscali e lavoristiche, frutto di interpretazioni troppo discrezionali dell’attuale normativa.
  3. Cominciare a prevedere una copertura previdenziale inizialmente ridotta per i contratti di compenso sportivo e amministrativo, oggi inesistente.
  4. Introdurre una terza via di gestione per un impianto sportivo dilettantistico, quella della Società Sportiva Dilettantistica Ordinaria, poi chiamata dal Ministero delle Finanze “Lucrativa”. La nuova società rinuncia, rispetto alle altre (ASD/SSD) nel dettaglio:
    1. alle agevolazioni dell’IVA che passa da 0 a 10%;
    2. all’agevolazione della tassazione sul reddito, che passa da 0 al 50% dell’imponibile. In aggiunta, per la nuova Società Sportiva Dilettantistica Ordinaria (lucrativa), si inserisce la contribuzione previdenziale sui sopraddetti contratti di compenso sportivo ed amministrativo, che passa da 0 al 50% per i primi 5 anni, per andare poi a regime.
  5. La prima stesura della legge era molto più ampia e si occupava anche della salute dando incentivi fiscali, per ora riservati alla fascia d’età dai 5 ai 18 anni, a tutti i cittadini che fanno attività fisica.
  6. Durante il percorso legislativo sono stati tagliati tanti articoli che reputiamo adatti ad una legge quadro e sono stati approvati solo gli articoli che riguardano gli aspetti finanziari della normativa.
  7. La legge quadro sullo sport creerebbe emersione, trasparenza e sicurezza applicativa, dando la possibilità ai tantissimi impianti sportivi, frutto di importanti investimenti privati, di poter continuare ad investire senza i timori di vedersi chiudere l’impianto, a causa di arbitrarie interpretazioni. Esistono infatti in Italia circa 70.000 centri sportivi dilettantistici, tra associazioni sportive e società sportive, dei quali circa 15.000 di medie e grandi dimensioni. Tali impianti, con uno statuto come quello attuale che prevede l’assenza di lucro, hanno notevoli difficoltà con il credito, con i finanziamenti e con gli investimenti. Sono infatti tutti organizzati in una doppia struttura societaria, una immobiliare e l’altra dilettantistica, in affitto tra loro: risulta quindi più agevole e trasparente che esista una sola società sportiva dilettantistica ordinaria (lucrativa).
  8. Se aderissero 10.000 delle 70.000 ASD e SSD al nuovo progetto si avrebbe un gettito, rispetto a IVA, tassazione e previdenza, di un miliardo di euro.
  9. L’iter della legge si è svolto in più fasi:
    1. stesura condivisa con i vertici del CONI, l’Agenzia delle Entrate e il Ministero del Lavoro;
    2. il percorso della legge è passato attraverso almeno tre governi, ricominciando ogni volta daccapo;
    3. quando è stata approvata, come già detto, la legge aveva subito parecchi tagli facendole perdere le caratteristiche originarie. Infatti la trasformazione è diventata più costosa e quindi di interesse minore per le ASD e le SSD che intendano trasformarsi.

Secondo noi, comunque, gli articoli approvati sono integrabili e migliorabili, in modo da attrarre verso questa strada il maggior numero possibile dei centri sportivi lasciando totalmente nello stato normativo attuale tutte le ASD e SSD che non ritengono di poter affrontare tali oneri. Qualora, come preannunciato dal sottosegretario Giorgetti, la decisione fosse quella di tagliare gli articoli dal 353 al 361, andrebbero comunque salvati il 358 e parte del 359 che sono interamente a vantaggio normativo delle attuali ASD e SSD (migliore qualificazione dei contratti di compenso sportivo e amministrativo in modo che non vengano attaccati, come avviene oggi, dall’INPS che li ritiene contratti per professionisti a partita IVA).

In conclusione, crediamo che questa legge, pur con i suoi limiti dovuti ai tanti passaggi che ha dovuto subire, sia un’ottima base per arrivare a quella legge quadro tanto auspicata.

Nei 6 mesi che l’Associazione ha dedicato alla diffusione della legge, ci siamo resi conto che l’interesse della base è fortissimo e che le uniche voci contrarie erano quelle di alcune federazioni ed enti di promozione sportiva (spesso per motivi ideologici) che non sono però i soggetti a cui era destinata.

In conclusione, l’ANIF, proprio perché rappresenta le migliaia di centri sportivi che ogni giorno ricevono cittadini di tutte le fasce d’età, dai bambini delle scuole sportive ai giovani agonisti e campioni anche olimpionici, fino allo sport di base amatoriale che accompagna adulti e anziani verso un sano stile di vita, ha lottato per vedere attuato un progetto che crei investimenti sicuri, crescita dei livelli occupazionali e crescita dell’intero settore.

Ribadiamo ulteriormente che le SSDL avranno un maggior carico di tasse, IVA e contributi in cambio di poter essere aziende sportive dilettantistiche, creando notevole sviluppo. Invece le ASD e SSD rimarranno esattamente come sono sempre state, senza maggior onere burocratico, amministrativo, gestionale di nessun tipo e che anzi, grazie agli articoli 358 e 359 vedono riqualificati i contratti di compenso sportivo e amministrativo, ancora oggi, dopo quasi 20 anni, contestati dall’INPS.

Anche i temuti adeguamenti per il libro unico del lavoro erano stati risolti dal Ministero del Lavoro esonerando di fatto le sole ASD ed SSD da questa incombenza.
Il motivo per cui riteniamo che anche le società sportive dilettantistiche ordinarie (lucrative) debbano rimanere nel dilettantismo è che la loro origine e vocazione è e rimarrà sempre quella di operare nel mondo dilettantistico, agonistico e amatoriale.

Il nuovo panorama dei centri sportivi diverrebbe il seguente: associazioni sportive dilettantistiche – ASD, società sportive dilettantistiche a r. l. – SSD e società sportive dilettantistiche lucrative, SSDL.

legge sport

Caro collega,
ci corre l’obbligo di informarti della nostra azione, finalizzata a non far abrogare la legge sulla gestione dei centri sportivi (N. 205, 27 dicembre 2017 art 353 – 361) che l’art.13 del Decreto Dignità ha abolito. Noi, in rappresentanza dei più dei 70.00 centri sportivi italiani, dalle associazioni sportive alle società sportive dilettantistiche, abbiamo duramente lavorato a questa legge perché siamo convinti che questo sarà un enorme passo avanti per l’intero settore. È per questo motivo che noi stessi abbiamo elaborato delle proposte che sono state consegnate e presentate sotto forma di emendamenti.

Abbiamo, altresì, constatato che numerosi altri emendamenti che chiedono di eliminare l’art. 13 su indicato, sono stati presentati da diversi schieramenti politici. Il nostro settore appartiene a tutti ed è politicamente trasversale poiché si parla di un bene, lo sport, che è di tutti i cittadini.

Se credete che la nostra azione sia stata finalizzata alla crescita del settore, all’emersione, alla chiarezza, al sostegno contributivo dei nostri collaboratori ed, infine, alla massima trasparenza del settore, sostenete e diffondete la validità di questo progetto affinché, in Parlamento, chi ci rappresenta possa avere l’opportunità di “mantenere in vita” una così importante legge per il settore.

Ti allego, altresì, un comunicato sui motivi e gli scopi del progetto della legge sullo sport approvata in dicembre 2017.

La Direzione

 

legge sport

Caro collega,

come avrai saputo l’attuale Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, On. Giancarlo Giorgetti, ha annunciato che farà abrogare gli articoli dal 352 al 361 della Legge 205 del 27/12/2017.

Durante il convegno del CSI di venerdì 6 luglio a Roma con il Presidente Vittorio Bosio e l’On.Giorgetti, inoltre il Sottosegretario ha ribadito di essere contrario alle Società Sportive Dilettantistiche a scopo di Lucro.

Avendo lavorato al progetto ben quattro anni, ci siamo subito attivati per poter essere ricevuti dal Sottosegretario al fine di poter far conoscere le tante motivazioni che ci hanno spinto a intraprendere la strada di questo Progetto di Legge. Progetto che, come tutti sapete, nella nostra versione originaria era una vera e propria Legge Quadro, ma che durante l’iter per arrivare all’approvazione ha perso alcuni importanti articoli.

Ciò nonostante è stato un grandissimo passo in avanti per creare chiarezza, emersione, trasparenza e sviluppo, in un settore che conta ben 70.000 centri sportivi dilettantistici, che vanno dalle piccole associazioni di squadre sportive , ai grandi impianti polivalenti, tutti al servizio dei cittadini italiani.

Proprio perché convinti dell’importante Progetto, continueremo sulla nostra strada e cercheremo di rappresentare la nostra opinione condivisa con tutti voi, al fine di non perdere il lavoro fatto anzi, se possibile, migliorarlo per un futuro di sviluppo per i Centri Sportivi Italiani.

Essendo noi un’associazione di categoria, preferiamo lavorare con le Istituzioni per far valere le nostre idee. Lasciamo ad autorevoli giornali il doveroso compito di esternare pareri condivisibili. Vi alleghiamo perciò tre articoli di Fisco SportItalia Oggi e Sport Business Management 

Scarica l’articolo di Italia Oggi

Scarica l’articolo di Fisco Sport

Vai all’articolo di Sport Business Management

Vi aggiorneremo via via sugli sviluppi

La Direzione ANIF

ANIF territorio

Combattere abusivismo, garantire maggiore sicurezza all’utente finale e creare un ordine oggi indispensabile per la reputazione e la dignità di tutto il mondo sportivo.

I risultati raggiunti da ANIF Sicilia: formazione e impianti sportivi

ll rinnovamento passa anche dal decentramento e ANIF, circa un anno fa, ha modificato il suo statuto in risposta ad esigenze del sistema sportivo e sociale che rappresenta. Ha così istituito le delegazioni territoriali e sono nate: ANIF Lombardia, ANIF Sicilia e ANIF Lazio per migliorare l’ascolto delle istanze locali e la distribuzione sul territorio dei relativi interventi. Un cambiamento in linea con la natura di ente istituzione di ANIF che si è evoluto nel tempo ampliando la sfera di bisogni a cui far fronte. Le delegazioni sono infatti il braccio territoriale di ANIF, attivo nel sociale e nel dialogo con le istituzioni locali, quelle che realmente possono influire sul destino dei cittadini su temi che li riguardano tutti: salute, formazione, sicurezza e promozione dello sport dilettantistico.

Oggi parliamo dei primi obiettivi raggiunti da ANIF Sicilia, dopo gli accordi conseguiti da ANIF Lombardia. A seguito della presentazione della delegazione il 28 febbraio a Palermo, in occasione del convegno ANIF sulla riforma dello sport dilettantistico, ANIF Sicilia ha conseguito due importanti obiettivi:

  1. inserimento nel catalogo della formazione regionale delle figure sportive;
  2. partecipazione ad un tavolo tecnico istituzionale per la regolamentazione degli impianti sportivi.

Formazione sportiva

Mentre ANIF insieme a EuropeActive collabora agli standard della formazione europea nel settore fitness e wellness, ANIF Sicilia, con il suo presidente Germano Bondì, ha concluso un accordo che vede inserite due figure, l’operatore impianto sportivo ed il tecnico impianto sportivo, nel catalogo formativo finanziato dalla comunità europea. È stato il risultato di un dialogo con la Regione ed, in particolare, con l’assessore regionale alla formazione Roberto Lagalla che ha portato ad inserire le figure lavorative dello sport dilettantistico nel sistema formativo regionale. Gli sviluppi prevedono: un “tavolo di confronto che possa porre al centro le attività del settore” come riferisce Antonino Zito, a capo della segreteria dell’assessorato istruzione e formazione. L’iniziativa inoltre è in linea con quanto disposto dalla legge 205/2017 che ha istituito la società sportiva dilettantistica lucrativa, in merito all’obbligatorietà del direttore tecnico laureato, un cambiamento che mette al primo posto l’attenzione alla formazione di chi sta a contatto con atleti e sportivi dilettanti.

Regolamentazione impianti sportivi

Di fondamentale importanza, per Germano Bondì, il tema della sicurezza degli impianti sportivi dilettantistici del CONI, motivo per cui ANIF Sicilia ha partecipato ad un tavolo tecnico del Comune di Palermo con il Vicesindaco Sergio Marino per l’aggiornamento del regolamento comunale, allo scopo di “Combattere abusivismo, garantire maggiore sicurezza all’utente finale e creare un ordine oggi indispensabile per la reputazione e la dignità di tutto il mondo sportivo.”

Germano Bondì ricorda inoltre che il sovrappeso infantile in Sicilia si attesta al 50% e di questa percentuale il 25% rientra nell’obesità: ecco perché bisogna invertire subito questo trend e ANIF Sicilia ha in cantiere il raggiungimento di una piena sinergia tra sistema sanitario e sistema sportivo.