legge sport

L’On. Sbrollini: questa legge è per il benessere dell’individuo e dello Stato

legge sportPortare avanti in un periodo di crisi di stampo politico – istituzionale, come quello che stiamo vivendo, un progetto che è insieme nazionale e di grande passione sportiva è l’obiettivo che l’On.Daniela Sbrollini ha dichiarato al Convegno ANIF del 12 dicembre al Forum Sport Center: l’iter parlamentare che sta seguendo la nostra proposta di legge per la riforma dello sport dilettantistico sembra quasi una metafora della tempesta politica o quanto meno ne replica su scala chiaramente parziale l’impatto.

E’ una proposta di legge di cui la stessa Daniela Sbrollini si è definita solo una nostra portavoce all’interno della Camera ma le leggi sono espressione della società civile che ha appunto bisogno di portavoce istituzionali, senza i quali, il nostro lavoro non avrebbe la risonanza che ci aspettiamo.
D’altro canto lo speech dell’On. Sbrollini, nei panni di relatrice al convegno ANIF, assume note calme ma perentorie lasciando intendere il suo temperamento determinato e la costanza che riteniamo efficace per traghettare una legge tra le maree politiche, ca va san dire.

La proposta di legge per la gestione dilettantistica degli impianti sportivi pubblicata il 28 giugno 2016 in questo momento è in fase di analisi in Commissione Cultura della Camera e va ad affiancarsi ad un’altra legge già presentata dallo stesso Onorevole sui percorsi curriculari da manager sportivi. Ambedue sono funzionali al rilancio dell’occupazione e dell’economia nel settore sport e in quello del Paese: Daniela Sbrollini riconosce infatti lo sport come “volano e settore strategico della nostra economia.”

E continua

Addirittura io auspico che lo sport possa rientrare nei livelli essenziali d’assistenza perché credo che debba abbracciare tutte le fasi della crescita della personalità e della vita di un individuo. Lo sport è salute e prevenzione ma è anche cultura, turismo, economia: genera benessere per lo Stato e per l’individuo. Lo scopo di questa legge è di puntare sulla crescita e arrivare a una stabilizzazione del settore in maniera chiara permettendo a chi opera bene di crescere e di continuare a farlo.

La Società ordinaria sportiva dilettantistica con fini di lucro è una società che opera dalla parte del giusto, con dei bilanci, IVA agevolata nella gestione degli impianti e flessibilità contrattualistica, la stessa che permette a molti giovani di continuare a lavorare nel settore, regolarizzando molte posizioni di lavoro nero.

Questa legge dunque opera solo un riconoscimento di una nuova società che contribuirà all’erario statale permettendo di far emergere il sommerso in più modi e, al contempo, non toglie nulla allo sport dilettantistico per ciò che è stato finora.

Voglio ringraziare Giampaolo, Gianfranco e riaffermare che andremo avanti insieme a Giovanni Malagò e a Nerio Alessandri.

Convegno ANIF Legge Quadro Sport

COMUNICATO STAMPA
Convegno
Proposta di Legge: “Disciplina delle Attività Sportive Dilettantistiche“

L’iter legislativo della proposta di Legge Quadro per lo Sport sulla “Disciplina delle Attività Sportive Dilettantistiche”, depositata presso la VII° Commissione della Camera con la firma dell’On. Daniela Sbrollini, prosegue senza tentennamenti. È stata lei stessa a comunicarlo, il 12 dicembre al convegno sull’argomento, organizzato da ANIF – Eurowellness promotore della normativa che vuole dotare di una legge quadro il settore dello Sport, presso l’Auditorium del Forum Sport Center di Roma.

L’On. Sbrollini, pur in presenza di una crisi politica molto delicata e piena di incertezze, ha voluto testimoniare con il suo intervento sia l’importanza della normativa che la sua grande determinazione a portarla avanti con fiducia. Fiducia dovuta alla certezza del proseguimento della legislatura e alla conseguente conferma delle Commissioni Parlamentari in essere, che, anche in questo periodo di turbolenza politica post-referendaria, hanno continuato a lavorare senza interruzione.
Nel messaggio lanciato al numeroso pubblico che ha seguito con la massima attenzione i lavori dell’iniziativa, la Sbrollini ha sottolineato che i segnali positivi, ricevuti dal Presidente della VII Commissione della Camera, On. Flavia Piccoli Nardelli, e da gran parte delle forze politiche rappresentate in parlamento, destra compresa, la spingeranno a proseguire sul cammino intrapreso con rinnovato ottimismo.

Quindi ANIF e tutto il mondo sportivo – conclude la Sbrollini – può puntare sulla sua determinazione perché questa è stata sempre la cifra del suo agire e che non verrà certamente a mancare in questa importante occasione.

Il convegno ha visto la partecipazione di oltre 150 titolari/gestori di impianti sportivi, commercialisti, consulenti del lavoro, avvocati, autorevoli rappresentanti del mondo accademico e di molti altri operatori nell’industry dello Sport.

L’intervento dell’On. Sbrollini era molto atteso e ha confermato i buoni pronostici sulla legge quadro dello sport: su di lei erano puntati tutti i riflettori del palcoscenico ma sono stati seguiti con grande interesse anche gli interventi degli altri relatori.

Apre i lavori il Presidente di ANIF-Eurowellness, Giampaolo Duregon che, nel suo appassionato intervento, ha sottolineato l’importanza della normativa sul piano della crescita del settore.

L’introduzione della Società Sportiva Dilettantistica Ordinaria – sottolinea Duregon – consente all’impresa sportiva di crescere sul piano patrimoniale e quindi, da un lato stimola gli investimenti e dall’altro accresce il suo valore sul mercato. Ma la legge – conclude il Presidente – favorirà anche una gestione più chiara e trasparente che allontanerà il pericolo di interpretazioni spesso fantasiose e vessatorie da parte degli Organi di Controllo.

Non hanno mancato di sottolineare il loro incondizionato consenso alla normativa anche gli altri Relatori:

  • Espedito Laterza, responsabile del Job Placement dell’ateneo di Roma del Foro Italico;
  • Stefano D’Ottavio, docente presso l’Università di Tor Vergata di Roma;
  • Rita Visini, Assessore alle Politiche Sociali, Sport e Sicurezza della Regione Lazio;
  • Stefano Gobbi, Direttore delle Relazioni Esterne CSI.

Particolarmente seguito infine il saluto di Nerio Alessandri, Presidente di Wellness Foundation, intervenuto in video conferenza, il quale, pur impossibilitato a partecipare al convegno, ha voluto supportare l’iniziativa a nome di tutto il mondo imprenditoriale sportivo ed ha esortato l’On. Sbrollini a proseguire con la determinazione che ha sempre caratterizzato la sua azione politica.

 

 

Vai alla gallery fotografica dell’evento

sport e Roma

Quale il collegamento tra sport e Chiesa, intesa non solo dal punto di vista clericale ma da quello della comunità di persone e in questo caso di abitanti della città di Roma? Noi di ANIF siamo stati invitati a parlarne dal Vicario di Roma per fornire una testimonianza di crescita e benessere della città di Roma, perseguiti attraverso l’esperienza dello sport. Il 25 novembre, infatti, si è tenuto, presso la Casa Bonus Pastor, il convegno “Sport e città” dove siamo stati invitati come una delle realtà rappresentanti di quello sport che può contribuire al benessere di una comunità.

L’art.1 del Disegno di legge C.3936 sulla riforma dello Sport Dilettantistico di cui ANIF è stato uno dei relatori più determinati e l’On.Sbrollini prima firmataria, introduce un’innovazione importante in questa direzione: il riconoscimento del ruolo dello sport nella tutela della salute, ribadendone la funzione sociale ed educativa.

Lo Sport e Roma

Il Vicario di Roma, nella sua lettera alla città rivolge un appello a tutte le istituzioni sociali, politiche e professionali per: “Rendere “reciproca” la città: più attiva, più partecipe e più unita. Una città aperta a tutti, giovani, adulti e anziani, donne e bambini, che sappia andare incontro ai bisogni di relazione fra generazioni, alle insicurezze e alle solitudini, ai problemi connessi all’invecchiamento della popolazione e alle richieste, spesso del tutto nuove, che vengono da adolescenti, giovani e famiglie.”

Identifica cinque sfide o “cantieri” su cui lavorare per rendere Roma la città di tutti dove le eccellenze di una grande capitale europea, nei settori di arte, industria, tecnologia, moda, sport ecc, sappiano convivere con la giustizia sociale e l’integrazione delle fasce sociali più deboli.

Le cinque sfide

  1. Vecchie e nuove povertà: a Roma è stridente il gap tra la bellezza del patrimonio artistico e il disagio sociale, tra ricchi e poveri, tra integrati e rifugiati; è necessaria la realizzazione graduale di soluzioni di equità sociale e di solidarietà.
  2. Accoglienza e integrazione: Gli immigrati – non solo i rifugiati, ma tutti gli stranieri stabilitisi a Roma – devono essere accolti come persone e aiutati, insieme alle loro famiglie, a integrarsi
    nella città e nella vita sociale.
  3. Educazione: è necessario mettere al centro della formazione la crescita integrale della persona, che significa trasmissione di valori e pensiero critico che vadano al di là del mito dello sviluppo economico e della ricchezza materiale.
  4. La comunicazione: le immagini mediatiche sono dominate da una “strumentalizzazione degradante dell’immagine della donna, da volgarità e linguaggio aggressivo. Bisogna “ricostruire una cultura collettiva più umana, più vera, davvero attraente.”
  5. La complessità dei problemi che una metropoli come Roma deve affrontare richiede una classe dirigente competente e dedita al bene comune.

sport e Roma

Perché lo Sport

Il Vicariatus Urbis ha voluto un convegno in cui le realtà sportive più attraenti raccontassero il loro impegno a favore della città.

Abbiamo accolto con partecipazione l’invito riportando il nostro punto di vista su quale dovrebbe essere il ruolo dello sport, richiamando l’esperienza della nostra battaglia per difendere e far sviluppare il settore dello sport dilettantistico, in grado di rispondere parzialmente, ad alcune delle sfide proposte dal Vicariato. Quali?

  1. La cultura sportiva è parte integrante dell’identità della nazione come ribadiamo nel nostro Disegno di legge.
  2. Lo sport è un veicolo di integrazione di culture diverse e un fattore socializzante: l’esempio più vivido e recente è la nazionale dei rifugiati che ha gareggiato alle olimpiadi del 2016.
  3. Lo sport promuove valori educativi di solidarietà, lealtà ed è funzionale alla trasmissione dei valori fondativi di una società.
  4. Lo sport può anche influire sulla discriminazione di genere e agisce sulla rappresentazione mediatica della figura femminile

Il 25 Novembre al convegno “Sport e città” Giampaolo Duregon ha raccontato il percorso di ANIF orientato a: promuovere la cultura dell’attività sportiva, in generale e dilettantistica, in particolare, come strumento di crescita civile, miglioramento delle condizione sanitarie della popolazione e sviluppo di un settore, strategico per il benessere della società.

Legge sport dilettantistico

Roma 31 ottobre 2016

Caro collega,

sull’onda del grande successo che ha fatto registrare la celebrazione del Ventennale della costituzione di ANIF – Eurowellness tenutasi a Cesena presso Technogym Village il 21 ottobre u.s., dove, tra l’altro, è stata colta l’occasione per presentare ufficialmente la pubblicazione della nostra riforma sullo sport dilettantistico, abbiamo ritenuto opportuno replicare l’iniziativa.

Il nuovo evento si terrà a Roma, presso il Forum Sport Center, il 12 dicembre p.v. ore 14.00
(vd.all)

La legge anche in questa circostanza costituirà l’argomento centrale del convegno, trattato però non sotto l’aspetto strettamente tecnico, bensì sotto quello politico, trascurato nei precedenti incontri organizzati da ANIF sul tema, non perché marginale, ma semplicemente perché avevamo la necessità di promuovere a tutti i livelli (base associativa, Istituzioni di riferimento, settore sport nel suo complesso) innanzitutto i contenuti di questa nuova normativa volta a favorire la crescita patrimoniale ed occupazionale del settore.

Il disegno di legge il 28 giugno u.s. è stato assegnato alla VII commissione della camera (cultura, scienza e istruzione) con la firma dell’On. Daniela Sbrollini. Abbiamo in questo periodo intensificato la nostra azione sul piano mediatico (social, incontri istituzionali, convegni a vari livelli) e, con il Ventennale, abbiamo concluso questa prima lunga fase dedicata a far conoscere i contenuti della Legge a tutto il mondo sportivo, alle Istituzioni ed all’opinione pubblica.

Riteniamo di esserci riusciti, ma non per questo il nostro lavoro può considerarsi concluso. Per accelerare i tempi dell’iter legislativo ed arrivare all’emanazione della Riforma entro il 2017 occorre muoversi tempestivamente su altri importanti fronti.

Da qui nasce l’esigenza di organizzare un altro grande convegno incentrato su questi punti:

  1. fare forte “massa critica ” a tutti livelli sull’importanza della Legge;
  2. coinvolgere in questa azione alti esponenti delle Istituzioni (Ministero Lavoro, Agenzia Entrate, INPS, CONI, Confindustria) e della cultura (Università, Europe attive, fondazioni);
  3. coinvolgere i colleghi che non sono riusciti a partecipare ai precedenti incontri.

L’evento cade in prossimità delle Festività natalizie, desidero pertanto cogliere l’occasione per un cordiale scambio di Auguri e brindare con tutti alla crescita del nostro settore. Certo di poter contare anche sulla tua partecipazione colgo l’occasione per inviarti i miei più cordiali saluti.

Il Presidente

Giampaolo Duregon

Scarica la locandina

Ventennale ANIF

Il prestigioso complesso industriale Technogym Village di Cesena ha ospitato il 21 ottobre u.s. il ventennale della costituzione di ANIF – Eurowellness, Associazione Nazionale Impianti per lo Sport e per il Fitness.

Nel mese di settembre 1996 Nerio Alessandri, Presidente di Technogym, in qualità di Socio Fondatore ed oggi Socio Onorario di ANIF, aveva intuito con largo anticipo la necessità di creare un’organizzazione di alta qualità in grado di far fronte alle crescenti istanze provenienti dal settore fitness e wellness ancora privo di un punto di riferimento lobbistico-tecnico-organizzativo.

Nerio Alessandri Ventennale ANIF

Giampaolo Duregon con Nerio Alessandri al Ventennale

Alessandri riuscì a coinvolgere in questa lungimirante iniziativa un piccolo nucleo di illuminati e determinati imprenditori, tra i quali l’attuale Presidente di ANIF – Eurowellness Giampaolo Duregon. Duregon ha raccolto questo prestigioso testimone nel 2001 puntando soprattutto a rafforzare, da un lato il senso di appartenenza della base all’organizzazione, dall’altro la sua identità ampliando la sfera delle sue competenze istituzionali al settore sport visto nel suo complesso.

La denominazione fu trasformata, in un’Assemblea Straordinaria del 29 marzo 2004, in ANIF – Eurowellness, Associazione Nazionale Impianti per lo Sport e per il Fitness, estendendo così l’azione dell’Ente a tutto il mondo dei Centri Sportivi Italiani. Nel 2005 entrando in Confindustria, attraverso Federvarie, quale organizzazione di riferimento per la partecipazione al sistema confederale delle associazioni di categoria, ANIF caratterizzava l’aspetto imprenditoriale dell’attività svolta dalla sua base associativa.

Ventennale ANIF

Soci Fondatori, Soci Onorari, Soci Benemeriti di ANIF Eurowellness insieme all’On.Daniela Sbrollini

Le scelte politiche e il duro lavoro che in questo lungo periodo Duregon ha portato avanti con entusiasmo, supportato dal determinante contributo proveniente da una base associativa sempre più partecipe in particolare dal gruppo dei Soci Benemeriti, hanno portato ANIF ad uscire dalla folta schiera degli organismi che operavano con scarsa efficacia nel settore per proporsi nella vasta area dello sport dilettantistico e nei rapporti con le Istituzioni quale unica, autorevole, credibile e rappresentativa Associazione di Categoria.

Importanti sono i risultati raggiunti da ANIF in questo periodo sotto la guida di Giampaolo Duregon sul piano normativo, lavoristico, salutistico e gestionale. L’ultimo grande obiettivo oggi realizzato con la proposta della LEGGE SULLO SPORT DILETTANTISTICO depositata presso la Commissione Cultura della Camera con la firma dell’On. DANIELA SBROLLINI lo conferma. La legge è quindi solo l’ultimo e certamente il più importante anello di una lunga catena di obiettivi centrati che hanno caratterizzato il percorso di ANIF in questo periodo, consentendole di marcare sempre più la sua identità sul cui rafforzamento il Presidente aveva indirizzato la sua azione fin dal giorno del suo insediamento alla Presidenza di ANIF.

Oltre 150 tra proprietari e gestori di centri sportivi hanno seguito con entusiasmo e grande attenzione le varie fasi dell’evento soprattutto per non far mancare al Presidente il loro consenso all’importante azione svolta nell’arco del suo mandato a favore dello sport dilettantistico.

Apre i lavori il Sindaco di Cesena, Paolo Lucchi, che sottolinea la grande attenzione che l’Amministrazione provinciale ha sempre dedicato allo sport e quindi all’impegno imprenditoriale e sociale profuso nel settore da Nerio Alessandri.

La parola passa quindi a Giampaolo Duregon, il quale nel suo appassionato intervento evidenzia le difficoltà incontrate lungo il percorso compiuto fin qui da ANIF – Eurowellness coronato tuttavia dagli importanti obiettivi centrati sotto la sua guida nella vasta area dello sport dilettantistico. Si sofferma quindi sui contenuti della Legge sullo Sport Dilettantistico proposta da ANIF che, con l’introduzione di una società di capitali ordinaria, completa finalmente il quadro normativo del settore. Tale “status” giuridico fornirebbe inoltre una risposta chiara sia al mondo imprenditoriale vista la possibilità per le società di dividere gli utili, che a quello del lavoro con l’introduzione della copertura previdenziale per quanto attiene i “compensi sportivi ed amministrativi” degli addetti.

Guarda il saluto di Giampaolo Duregon al Ventennale

Sulla necessità di fare chiarezza e dare sostegno al settore si sofferma anche Nerio Alessandri, nel suo successivo intervento. Ciò consentirebbe alle imprese sportive di acquistare più valore sul piano gestionale, ma soprattutto su quello patrimoniale. Perché, sottolinea con forza Alessandri, in mancanza di normative chiare le aziende difficilmente tendono ad investire nel settore. Ma i tempi stringono, conclude Alessandri, non si può più attendere perché all’estero si aprono ampie praterie pronte ad accogliere i potenziali investitori della “wellness economy” dove è l’uomo che è chiamato a svolgere un ruolo centrale nello sviluppo e non già l’ambiente su cui oggi sembrano invece convergere tutti i paesi occidentali che, parlando di “green economy”, colgono solo una parte del grande problema cui si dovrà far fronte nell’immediato futuro.

Particolarmente atteso è ovviamente anche l’intervento dell’On. Daniela Sbrollini, prima firmataria della Legge depositata presso la VII° Commissione della Camera in attesa di calendarizzazione. Il caloroso applauso ricevuto dalla qualificata assemblea evidenzia la grande fiducia che il mondo sportivo dilettantistico nutre nella azione politica della Sbrollini. L’Onorevole sottolinea che la riforma farà da volano dell’economia. L’introduzione di una Società Sportiva Dilettantistica Ordinaria fornirà infatti all’impresa lo strumento per ricavare utili quale giusto compenso all’importante azione che essa svolge sul piano dello sviluppo dell’economia e dei livelli occupazionali.

Guarda l’intervento dell’On.Sbrollini al Ventennale

Intervengono quindi sui contenuti tecnici della legge Yuri Zugularo di Technogym e Alberto Succi consulente di ANIF – Eurowellness esperto di diritto sportivo e societario, estensore dell’articolato normativo.

 

Ventennale ANIF

Il Presidente di ANIF con l’ON Daniela Sbrollini e Nerio Alessandri

 

A conclusione dell’evento il Presidente di ANIF consegna l’AWARD ANIF 2016 al titolare del Club “Ego Wellness” di Lucca, Renato Malfatti per essersi distinto nel corso del biennio 2015-2016 sul piano dell’innovazione, su quello della qualità delle strutture e su quello della preparazione tecnica degli addetti.

 

Daniela Sbrollini Ventennale ANIF

Intervento dell’On. Daniela Sbrollini

 

Ventennale ANIf Award

Consegna Award ANIF

 

Guarda il video racconto del Ventennale

 


Vai alla gallery fotografica completa

 


Leggi la rassegna stampa (Resto del Carlino – Corriere di Romagna)

coni anif

Venti anni di passione al servizio dello sport. (…) Siete stati antesignani di un’esigenza sempre più attuale, che si sposa con le finalità da perseguire per immaginare il cambio di marcia del Paese. Siete “sponsor” e insieme testimoniai della straordinaria importanza che riveste l’attività fisica nell’economia di una società

Giovanni Malagò

Cari soci,
cari colleghi,

è con enorme piacere che pubblichiamo la lettera inviata dal Presidente del CONI Giovanni Malagò per l’evento del ventennale di ANIF – Eurowellness. Il Presidente non potendo presenziare il 21 ottobre a causa di una precedente impegno a Minsk, ha inteso inviarci questo suo saluto particolarmente gradito.

Scarica qui la lettera di Giovanni Malagò

ventennale ANIF

Giampaolo Duregon, Presidente di ANIF Eurowellness, rivolge un invito a tutti i soci ANIF a partecipare al Ventennale di ANIF: segue la sua lettera a tutti voi.

Cari Colleghi,

sono passati ben 15 anni dal giorno in cui ho accettato con entusiasmo il pur gravoso onere di presiedere un’associazione giovane, piccola ma nata con un imprimatur di alto prestigio che la obbligava a proseguire il suo difficile cammino lungo il solco tracciato da un grande e lungimirante imprenditore che aveva intuito con largo anticipo la necessità di creare un’organizzazione di alta qualità in grado di far fronte alle crescenti  istanze provenienti dal settore fitness ancora privo di un punto di riferimento tecnico-politico-operativo.

Nacque così Eurowellness nel mese di ottobre del 1996 grazie alla spinta e all’entusiasmo di  Nerio Alessandri che riuscì a coinvolgere in questa folle avventura un piccolo nucleo di illuminati e determinati imprenditori tra i quali il sottoscritto:

Nerio Alessandri, Livio Leardi, Massimo Cicognani, Marco Fornari, Lucrezia Altomare, Claudio Baldella, Anita De Teodoro, Lanfranco Greselin, Claudio Aradori,  e Giampaolo Duregon.

L’Associazione fu costituita a Bologna, con atto notarile denominata: EurowellnessAssociazione dei Centri Fitness e Wellness di qualità per la promozione dell’attività fisica.  Il Consiglio Direttivo Provvisorio  fu presieduto da  Livio Leardi. 

Consiglieri:  Massimo Massarini, Claudio Baldella, Alberto Pacchioni, Massimo Cicognani, Claudio Bellini.

Nel settembre del 2001 ho raccolto questo prestigioso testimone puntando soprattutto a rafforzare da un lato il senso di appartenenza della base all’organizzazione, dall’altro la sua identità ampliando la sfera delle sue competenze istituzionali al settore sport visto nel suo complesso.

La denominazione fu trasformata in un’assemblea straordinaria del 29 marzo 2004, inANIF Eurowellness, Associazione Nazionale Impianti per lo Sport ed il Fitness, estendendo così la sua azione a tutto il mondo dei Centri sportivi Italiani. Nel 2005 entrando in Confindustria, attraverso Federvarie, quale organizzazione di riferimento per la partecipazione al sistema confederale delle associazioni di categoria, ANIFcaratterizzava l’aspetto imprenditoriale dell’attività svolta dalla sua base associativa.

Le scelte politiche e il duro lavoro che in questo lungo periodo ho portato avanti con entusiasmo, supportato dal determinante contributo proveniente da una base associativa sempre più partecipe, soprattutto dal gruppo dei Soci Benemeriti, ANIF è riuscita ad uscire dalla folta schiera degli organismi che operavano con scarsa efficacia nel settore per proporsi nella vasta area dello sport dilettantistico e nei rapporti con le Istituzioni quale unica, autorevole, credibile e rappresentativa Associazione di Categoria.

L’ultimo grande risultato oggi raggiunto con la  legge sullo sport dilettantistico (vd.link)depositata presso la Commissione Cultura della Camera con la firma dell’On. Daniela Sbrollini lo conferma. La legge  è solo l’ultimo e certamente più importante anello di una lunga catena di obiettivi centrati, che hanno caratterizzato il percorso di  ANIF (vd. link) in questo periodo consentendole di marcare sempre più la sua identità sul cui rafforzamento avevo indirizzato la mia azione dal lontano giorno del mio insediamento alla presidenza di ANIF.

Oggi, a vent’anni di distanza dalla fondazione di ANIF, abbiamo pensato di organizzare un grande evento a Cesena presso la sede Technogym il 21 ottobre 2016, grazie alla preziosa collaborazione di Nerio Alessandri, Socio Fondatore di ANIF (vd.locandina all.).

L’evento sarà qualificato dalla presenza dell’On. Daniela Sbrollini prima firmataria della nostra Legge sullo Sport Dilettantistico. La presentazione della legge da parte dell’On. Sbrollini costituirà l’argomento centrale dell’evento.

Il programma comprenderà anche l’assegnazione dell’Award ANIF al centro sportivo affiliato che si è particolarmente distinto nel corso del biennio 2015/2016 sul piano dell’innovazione, su quello della qualità delle strutture e su quello della preparazione tecnica degli addetti.

Non dovrebbe mancare ovviamente anche un sia un pur breve cenno di saluto da parte del gruppo dei Soci Fondatori, dei Soci Benemeriti, in particolare quello dei “Past President” (Livio Leardi, Massimo Cicognani, Lodovico Cazzaro) che mi hanno preceduto in questa esaltante avventura. 

Seguirà su prenotazione

TOUR GUIDATO TECHNOGYM VILLAGE

Vi chiedo, inoltre, la cortesia, ove possibile, di portare al convegno un paio di banner riguardanti momenti particolarmente significativi della vita associativa e sportiva dei vostri club. Li esporremo ben volentieri nella sede dell’evento e serviranno per sottolineare l’impegno dell’associazione nella promozione dello sport inteso come pratica, agonismo e salute.

Da ultimo approfitto della circostanza per sollecitarvi ad inviarci un segnale (vd. lettera tipo all.) di consenso alla legge che consegnerò personalmente all’On. Sbrollini, presentandovi personalmente a lei (è importante!!).

Cari amici se oggi ANIF ha raggiunto un’importanza e un livello di credibilità riconosciuti dalle Istituzioni e da tutto il mondo sportivo nazionale, dobbiamo essere riconoscenti anche e soprattutto ai pionieri che hanno dato vita a questo grande progetto ed è questa l’occasione per far giungere loro un meritato segno di grande apprezzamento. Non potete dunque mancare.

 

Vi ringrazio per l’attenzione e vi invio i miei più cari saluti.

Giampaolo Duregon
Presidente ANIF Eurowellness

 

P.S. Ricordate: DOBBIAMO ESSERCI TUTTI per ANIF, per la LEGGE, per il futuro dello SPORT.

La partecipazione al Convegno è aperta anche ai vostri colleghi, ma per motivi organizzativi  siete invitati a segnalare tempestivamente la vostra presenza.

ventennale Anif technogym

 

Sono passati ben 15 anni dal giorno in cui ho accettato con entusiasmo il pur gravoso onere di presiedere un’associazione giovane, piccola ma nata con un imprimatur di alto prestigio, in grado di far fronte alle crescenti istanze provenienti dal settore fitness ancora privo di un punto di riferimento tecnico-politico-operativo.

Oggi, a vent’anni di distanza dalla fondazione di ANIF, abbiamo pensato di organizzare un grande evento a Cesena presso la sede Technogym il 21 ottobre 2016, grazie alla preziosa collaborazione di Nerio Alessandri, Socio Fondatore di ANIF. L’evento sarà qualificato dalla presenza dell’On. Daniela Sbrollini prima firmataria della nostra Legge sullo Sport Dilettantistico.

Il programma comprenderà anche l’assegnazione dell’Award ANIF al centro sportivo affiliato che si è particolarmente distinto nel corso del biennio 2015/2016 sul piano dell’innovazione, su quello della qualità delle strutture e su quello della preparazione tecnica degli addetti.

Il Pres. Giampaolo Duregon

Per saperne di più

Prenota il tuo tour guidato al Technogym Wellness Village

Guarda il video di presentazione del 20ennale che si terrà al Technogym Wellness Village

sport convegno

5 ottobre 2016 alle ore 15:30

In Vaticano presso l’Aula Paolo VI

Si svolgerà l’incontro internazionale

“Sport e Fede – Lo sport al servizio dell’Uomo”

Promosso dal Pontificio Consiglio della Cultura della Santa Sede

Sarà un’occasione unica voluta da Papa Francesco per dialogare con Ban Ki-moon, Segretario
Generale dell’ONU, Thomas Bach, Presidente del Comitato Olimpico Internazionale e numerosi
campioni e testimonial dello sport mondiale.

Siamo tutti invitati a partecipare alla Cerimonia di Apertura di questo storico appuntamento,
costituendo una delegazione composta da dirigenti ed atleti.

SCARICA L’INVITO DEL CSI

REGISTRATI INSERENDO ALL’INTERNO DEL MODULO CHE SEI STATO INVITATO COME SOCIO ANIF

L’eco del successo registrato dal nostro convegno di Bologna “sull’affinamento degli strumenti legislativi vigenti, in attesa della nuova legge quadro sullo sport” ha varcato i limiti del nostro mondo associativo per conquistare nuove fasce di gestori/ titolari di impianti sportivi che seguono con sempre maggiore attenzione l’impegno di ANIF profuso nella crescita del settore e nella difesa delle sue istanze. Il successo è il frutto di un lavoro di squadra che ANIF è riuscita a costruire nel tempo fruendo del supporto di professionisti di alto livello, in grado di leggere il futuro del nostro settore e di tracciare linee guida verso nuovi, sempre più avanzati e stimolanti obiettivi.

Leggi tutto…