legge sport forum club

 

Comunicato: aggiornamenti sull’iter della nuova “legge sullo sport dilettantistico” e commento di alcune sentenze relative all’attuale legge sullo sport dilettantistico

Il Forum Club, l’annuale grande evento fieristico del fitness, organizzato nel mese di febbraio a Bologna Fiera, con crescente successo di operatori e di contenuti culturali dalla casa editrice “Il Campo”, ha ospitato il 17 febbraio un importante convegno di ANIF – Eurowellness sulla situazione della “legge sullo sport dilettantistico” promossa dall’Associazione.

Ha aperto i lavori il Presidente di ANIF, Giampaolo Duregon.

Nel suo appassionato intervento ha ribadito con forza i principi che gli hanno consentito di sostenere con determinazione la normativa nel suo lungo e tortuoso iter parlamentare: fare chiarezza, da un lato, in un complesso di leggi, leggine, circolari e risoluzioni ministeriali farraginose, talora contraddittorie, aperte alle sempre più imprevedibili e fantasiose interpretazioni da parte degli Organi di controllo, dall’altro offrire al mondo delle imprese uno strumento, la Società Sportiva Dilettantistica Ordinaria, in grado di favorire lo sviluppo del settore sul piano economico e su quello occupazionale.

Il percorso è iniziato oltre due anni fa, rende noto il Presidente e, con il duro impegno profuso da ANIF in questo periodo in tutti i tavoli delle Istituzioni di riferimento (CONI, Governo, Agenzia delle Entrate, Ministero del Lavoro, INPS, Confindustria), la Proposta di legge è stata depositata presso la VII Commissione della Camera in data 28 giugno 2016 grazie all’impegno dell’On. Daniela Sbrollini che, condividendo le istanze del settore, è scesa in campo con la massima determinazione consentendo il raggiungimento di questo importante risultato.

Nel frattempo, prosegue Duregon, altri organismi hanno via via guardato con sempre maggiore attenzione l’azione di ANIF. Abbiamo ricevuto migliaia e migliaia di firme di consenso e supporto alla legge inviate all’On. Sbrollini per raggiungere il Governo, a testimonianza che tutto il vasto mondo che ruota intorno allo sport dilettantistico si è mobilitato per sollecitare l’emanazione di questa importante legge.

L’On. Sbrollini, intervenuta al termine dell’ampia discussione che ha animato i lavori del Convegno per trarne le conclusioni ha ribadito con forza che “la legge è indispensabile per la gestione degli impianti sportivi”. Come è noto, la normativa è incardinata in Commissione, resta da percorrere pertanto solo l’ultimo miglio per la sua emanazione. Purtroppo, prosegue la Sbrollini con molta onestà, la delicata situazione che il Paese sta attraversando politicamente non consente di percorrere questo ultimo tratto su un terreno sgombro di ostacoli.

Non per questo, assicura l’Onorevole, allenterà la presa: “non mollerò di un centimetro” afferma con convinzione, consentendo così a Duregon e ai circa 200 gestori/titolari di impianti sportivi presenti di concludere i lavori con rinnovato ottimismo. Il Presidente Duregon e l’On. Daniela Sbrollini hanno catalizzato ovviamente l’attenzione del folto pubblico presente ma di grande interesse culturale si sono rivelate anche le relazioni svolte nell’occasione da professionisti di alto spessore:

Alberto Succi, Esperto di Diritto Sportivo e Societario, il quale commentando alcune recenti sentenze sul lavoro ha testimoniato le carenze di un quadro normativo piene di incertezze e contraddizioni che la nuova legge potrebbe eliminare;

Michele Marchetti, Direttore Generale del CSI, il più importante Ente di Promozione Sportiva riconosciuto dal CONI, ha sottolineato, da un lato, l’importanza sul piano dello sviluppo associativo del protocollo d’intesa che lega l’Ente ad ANIF, dall’altro il pieno sostegno del mondo sportivo affiliato al CSI alla proposta di legge;

Marco Tornatore, Vice Presidente Acquanetwork, uno dei più grandi sostenitori dell’azione di Duregon e della Sbrollini, ha confermato la condivisione del progetto, non solo da parte di Acquanetwork, associazione composta da organismi che a vario titolo operano nel mondo imprenditoriale del “settore acqua”, ma anche della neonata UNASS, Unione Nazionale Associazioni Settori Sport, organismo costituito per radunare intorno ad un tavolo sia il mondo associativo sportivo che quello delle imprese del settore, per fare massa critica sui grandi temi che interessano il mondo dello sport in generale (ad esempio legge sullo sport);

Flavio Marelli, Presidente ANTHEA S.p.A., broker di assicurazioni, rende note le opportunità che un broker di assicurazioni specializzato nel settore può offrire al mondo dei centri sportivi attraverso prodotti modulati sulle effettive esigenze dei singoli centri;

Ralph Scholz, Direttore dell’evento FIBO Exhibition, la più importante fiera del fitness europeo che si terrà a Colonia nei giorni 6-9 aprile 2017, ha reso noti importanti dati emersi da un’indagine condotta dal FIBO sulle tendenze della pratica sportiva in Europa che rivelano un mondo in continua evoluzione attento alle dinamiche di un’offerta di fitness che stenta a stare al passo con i tempi.

La parte prima dell’intervista all’On. Daniela Sbrollini

sport dilettantistico

Nuova proposta del Coordinamento Nazionale Enti di Promozione Sportiva

La proposta di riesamina della delibera del CONI che ha stabilito l’adeguamento a strettissimo giro delle Società Sportive al nuovo sistema di Registro che riassesta le attività sportive dilettantistiche, arriva dagli Enti di Promozione Sportiva. Si sono rivolti all’unanimità al segretario generale del CONI Roberto Fabbricini nella riunione del 1 febbraio alle 15.

Il Coordinamento ha portato all’attenzione di Fabbricini delle criticità della delibera che potrebbero gettare scompiglio nel mondo dell’associazionismo sportivo.

Scopri criticità e proposte: scarica il Comunicato

registro coni

Le nuove discipline per iscriversi al Registro: delibera CONI n. 1566

Caro Collega,

ci corre l’obbligo di rendervi noto l’importante delibera numero 1566 assunta dal Consiglio Nazionale del CONI il 20 dicembre 2016, in merito al Registro Nazionale delle Associazioni e Società Sportive Dilettantistiche e alle Discipline Sportive riconosciute dal CONI, di cui in allegato.

In sostanza la delibera prevede che l’iscrizione al Registro CONI sia possibile esclusivamente con riferimento alle discipline sportive ivi compresse. Da ciò consegue che, per essere inserite nel Registro, si debbono rispettare i seguenti due requisiti:

  • gli statuti devono prevedere la pratica della disciplina sportiva presenti nell’elenco;
  • svolgere la pratica sportiva dichiarata statutariamente.

In linea di principio la delibera è finalizzata a tracciare finalmente una linea di demarcazione chiara e precisa fra le attività effettivamente sportive e quelle che con lo sport non hanno nulla a che fare e che utilizzano lo status giuridico delle AS/SSD per fruire delle agevolazioni fiscale, tributarie e lavorative anche senza averne diritto.

Al contempo la delibera solleva qualche serio interrogativo sul piano operativo.

Un problema nasce in particolare nel settore fitness, che rappresenta oggettivamente il core business dell’attività dei centri sportivi affiliati ad ANIF. Ebbene, bisogna tener presente che la disciplina riconosciuta a questo riguardo è quella certificata dal CONI con il n.117 -attività sportiva ginnastica – finalizzata alla salute ed al fitness.

Pertanto raccomandiamo vivamente che, per quanto attiene alle numerose attività riconosciute in questa disciplina (pilates, TRX, step, ecc.), vengano tutte finalizzate secondo la direttiva del CONI a livello:

  • statutario
  • gestionale
  • amministrativo
  • informatico
  • comunicativo

Facendo riferimento sempre e comunque alla categoria n.117, di cui sopra, esplicitando la stessa dicitura adottata dal CONI (evitando di apportare modifiche), eventualmente integrata con la sottocategorie di riferimento delle varie specialità ivi comprese, di cui sopra (pilates, TRX step ecc.) si fa presente che il termine ultimo per tutti gli adempimenti informatici è stato fissato dal CONI al 1 marzo 2017, per la trasmissione dei dati nonché per l’attività di bonifica conseguenti alla presente delibera CONI, dando mandato al segretario generale di definire e emanare i dettagli attuativi nonché di cancellare le iscrizioni non supportate dallo svolgimento delle discipline sportive in elenco.

Vi informiamo infine che stiamo in stretto contatto con la segreteria generale del CSI per stabilire un procedimento operativo che sia per quanto possibile facilmente perseguibile e al contempo il linea con il dettato del CONI.

Riceverai pertanto quanto prima le precisazioni del caso.

Un cordiale saluto,

Giampaolo Duregon

Presidente ANIF-Eurowellness

Scarica la delibera del CONI

ASSOCIAZIONE DI CATEGORIA

Associarsi ad ANIF: servizi e informazioni

La battaglia condotta da ANIF per la Legge sulle attività sportive dilettantistiche è entrata nel vivo! Dopo due anni di duro impegno profuso in tutti i tavoli istituzionali di riferimento: CONI, Enti di Promozione Sportiva, Ministero del Lavoro, Agenzia delle Entrate, Confindustria, grazie alla determinazione dell’On. Daniela Sbrollini che ha preso particolarmente a cuore l’iniziativa di ANIF, la proposta di Legge è stata depositata il 28 giugno 2016 con la sua firma presso la VII Commissione della Camera

Scarica il documento di legge

Da qui è partita nel territorio una vasta campagna divulgativa da parte di ANIF con il supporto determinante del Gruppo dei Soci Benemeriti e dei suoi partners storici, in particolare, Wellness Foundation e Acquanetwork.

Il grande successo di pubblico, registrato nelle tappe di questo lungo percorso, iniziato a Vicenza il 30 settembre e terminato a Milano il 16 dicembre, ha testimoniato la validità della nostra azione e ci ha spinto a proseguire in questa direzione con crescente determinazione.

Dove siamo oggi: attività legislativa e formazione CSI

Ci siamo impegnati fin qui ad illustrare i punti qualificanti della Legge sul piano della crescita patrimoniale ed occupazionale del settore, supportati dal contributo determinante di alti esponenti del mondo delle Istituzioni e dell’associazionismo sportivo.
Tale impegno negli ultimi due anni ha assorbito gran parte del nostro tempo, ma non per questo abbiamo trascurato le altre grandi tematiche istituzionali, quali in particolare i rapporti con CONI, Istituzioni, SCF (Società Consortile Fonografici), fornendo sempre assistenza puntuale e circostanziata.
Abbiamo portato avanti un programma molto avanzato nella formazione, nell’area del fitness e del tennis grazie alla determinante collaborazione con il CSI, la cui azione va ben al di là del tesseramento CONI.

Grazie ai buoni risultati ottenuti attraverso il Protocollo d’Intesa con il CSI nel 2017 saremo in grado di offrire ai nostri associati una gamma di servizi sempre più ampia, qualificata ed incentrata sulle istanze provenienti dalla base.

Pertanto grazie agli effetti benefici della Legge, da un lato, ed ai nuovi servizi che con il CSI stiamo focalizzando dall’altro (costo tesseramento particolarmente vantaggioso, copertura assicurativa, formazione professionale dei nostri collaboratori, azione proficua nei rapporti con le Istituzioni, CONI in particolare) siamo certi di realizzare obiettivi sempre più importanti.

Costi di affiliazione

Sono sicuro che anche nel corso del 2017 vorrai accompagnarci in questo processo di crescita e poter così raccogliere i frutti di questo importante lavoro.
Faccio quindi appello alla tua sensibilità invitandoti a rinnovare l’adesione quanto prima alla tua Associazione di categoria, qualora non avessi provveduto a farlo, o ad affiliarti qualora non avessi ancora preso questa decisione, tenuto anche conto che la quota di adesione ad ANIF per l’anno 2017, dopo anni di stazionarietà, pur in presenza di un aumento dei costi di gestione (marketing, social network, convegni, rapporti con le Istituzioni, consulenze esterne) è rimasta invariata al fine di poter contare su una base associativa sempre più ampia e coesa:

SOCIO ORDINARIO 400 euro
SOCIO BENEMERITO 1700 euro

Affiliati ad ANIF 

Per quanto attiene il costo del tesseramento CSI, pur avendo implementato notevolmente i servizi correlati, (si potrà caricare il file Excel direttamente on line nell’area riservata di ciascuna Associazione/Società nella sezione tessere convenzione ANIF del sito CSI – scarica il modulo con le istruzioni) siamo riusciti a mantenerli sui livelli di quest’anno ovvero:

Tessera CSI – ANIF: costi e validità

Validità della tessera ordinaria socio: 365 gg
Validità affiliazione società/associazione: 1° gennaio – 31 dicembre (90.00 euro)

Costo tessera base:
2,00 euro sotto le 2.000 unità
1,70 euro sopra le 2.000 unità
Per i soci Benemeriti: costo 1,50 euro

Sono certo che vorrai dedicare attenzione al quadro operativo che ANIF sta implementando con determinazione, confidando anche sulla tua adesione e su quella dei tuoi colleghi.
Grandi progetti ci aspettano nel 2017 e mi auguro vivamente che anche tu vorrai condividerli con noi.

Convenzione per importanti eventi: Forum club

A) Assemblea Generale Ordinaria per il rinnovo delle cariche elettive per il quadriennio 2017-2020 Bologna 17 febbraio 2017

B) Convegno FORUM CLUB, a Bologna, il 17 febbraio alle 14.00:
-attuale legge sullo sport dilettantistico: commento di alcune sentenze;
-aggiornamenti sull’iter della nuova legge sullo sport dilettantistico.

Al fine di ottimizzare i tempi che la base ANIF può ragionevolmente dedicare alla vita associativa dell’ente, abbiamo ritenuto opportuno concentrare gli eventi in un’unica giornata inserita nell’ambito dell’importante evento fieristico FORUM Club che si terrà a Bologna nei giorni 16-17-18 febbraio p. v. A tal proposito abbiamo il piacere di informarti che ANIF, grazie agli ottimi storici rapporti stabiliti con la Società Editrice “Il Campo”, l’organismo che cura il FORUM Club, fruisce di una

SPECIALE CONVENZIONE
Associati ANIF per iscrizioni al programma congressuale:

PASS PER SEGUIRE TUTTE LE SESSIONI DEL PERCORSO MANAGERIALE DI GIOVEDI’ 16 E VENERDI’ 17 FEBBRAIO: € 180 iva inclusa

Questi i vantaggi:
– la tariffa per le 2 giornate del percorso manageriale costa 300 € (come tariffe intere); il risparmio in questo caso è di 120 € (180 contro 300).
– la tariffa CONVENZIONATA (riservata agli abbonati a Il Nuovo Club) per 2 giornate del percorso manageriale è 250, quindi anche in questo caso il risparmio è considerevole (70 €).
Per potere avere diritto a questa convenzione, gli associati ANIF devono barrare le cifre che trovano sulla scheda di iscrizione del Congresso, nella parte del PERCORSO MANAGERIALE, scrivere CONVENZIONE ANIF 180 € e riportare sulla scheda il numero di affiliazione ANIF.

Data la loro importanza, sono certo che non vorrai mancare a questi due appuntamenti e che, qualora non avessi ancora provveduto a farlo, vorrai affiliarti (o rinnovare l’affiliazione) ad ANIF per l’anno 2017, per raggiungere con noi anche gli altri importanti obiettivi che intendiamo realizzare nel corso dell’anno

Ti aspetto!

Mi è gradita l’occasione per inviarti i miei più Cordiali saluti

Il Presidente Giampaolo Duregon

Convegno ANIF Legge Quadro Sport

COMUNICATO STAMPA
Convegno
Proposta di Legge: “Disciplina delle Attività Sportive Dilettantistiche“

L’iter legislativo della proposta di Legge Quadro per lo Sport sulla “Disciplina delle Attività Sportive Dilettantistiche”, depositata presso la VII° Commissione della Camera con la firma dell’On. Daniela Sbrollini, prosegue senza tentennamenti. È stata lei stessa a comunicarlo, il 12 dicembre al convegno sull’argomento, organizzato da ANIF – Eurowellness promotore della normativa che vuole dotare di una legge quadro il settore dello Sport, presso l’Auditorium del Forum Sport Center di Roma.

L’On. Sbrollini, pur in presenza di una crisi politica molto delicata e piena di incertezze, ha voluto testimoniare con il suo intervento sia l’importanza della normativa che la sua grande determinazione a portarla avanti con fiducia. Fiducia dovuta alla certezza del proseguimento della legislatura e alla conseguente conferma delle Commissioni Parlamentari in essere, che, anche in questo periodo di turbolenza politica post-referendaria, hanno continuato a lavorare senza interruzione.
Nel messaggio lanciato al numeroso pubblico che ha seguito con la massima attenzione i lavori dell’iniziativa, la Sbrollini ha sottolineato che i segnali positivi, ricevuti dal Presidente della VII Commissione della Camera, On. Flavia Piccoli Nardelli, e da gran parte delle forze politiche rappresentate in parlamento, destra compresa, la spingeranno a proseguire sul cammino intrapreso con rinnovato ottimismo.

Quindi ANIF e tutto il mondo sportivo – conclude la Sbrollini – può puntare sulla sua determinazione perché questa è stata sempre la cifra del suo agire e che non verrà certamente a mancare in questa importante occasione.

Il convegno ha visto la partecipazione di oltre 150 titolari/gestori di impianti sportivi, commercialisti, consulenti del lavoro, avvocati, autorevoli rappresentanti del mondo accademico e di molti altri operatori nell’industry dello Sport.

L’intervento dell’On. Sbrollini era molto atteso e ha confermato i buoni pronostici sulla legge quadro dello sport: su di lei erano puntati tutti i riflettori del palcoscenico ma sono stati seguiti con grande interesse anche gli interventi degli altri relatori.

Apre i lavori il Presidente di ANIF-Eurowellness, Giampaolo Duregon che, nel suo appassionato intervento, ha sottolineato l’importanza della normativa sul piano della crescita del settore.

L’introduzione della Società Sportiva Dilettantistica Ordinaria – sottolinea Duregon – consente all’impresa sportiva di crescere sul piano patrimoniale e quindi, da un lato stimola gli investimenti e dall’altro accresce il suo valore sul mercato. Ma la legge – conclude il Presidente – favorirà anche una gestione più chiara e trasparente che allontanerà il pericolo di interpretazioni spesso fantasiose e vessatorie da parte degli Organi di Controllo.

Non hanno mancato di sottolineare il loro incondizionato consenso alla normativa anche gli altri Relatori:

  • Espedito Laterza, responsabile del Job Placement dell’ateneo di Roma del Foro Italico;
  • Stefano D’Ottavio, docente presso l’Università di Tor Vergata di Roma;
  • Rita Visini, Assessore alle Politiche Sociali, Sport e Sicurezza della Regione Lazio;
  • Stefano Gobbi, Direttore delle Relazioni Esterne CSI.

Particolarmente seguito infine il saluto di Nerio Alessandri, Presidente di Wellness Foundation, intervenuto in video conferenza, il quale, pur impossibilitato a partecipare al convegno, ha voluto supportare l’iniziativa a nome di tutto il mondo imprenditoriale sportivo ed ha esortato l’On. Sbrollini a proseguire con la determinazione che ha sempre caratterizzato la sua azione politica.

 

 

Vai alla gallery fotografica dell’evento

Legge sport dilettantistico

Roma 31 ottobre 2016

Caro collega,

sull’onda del grande successo che ha fatto registrare la celebrazione del Ventennale della costituzione di ANIF – Eurowellness tenutasi a Cesena presso Technogym Village il 21 ottobre u.s., dove, tra l’altro, è stata colta l’occasione per presentare ufficialmente la pubblicazione della nostra riforma sullo sport dilettantistico, abbiamo ritenuto opportuno replicare l’iniziativa.

Il nuovo evento si terrà a Roma, presso il Forum Sport Center, il 12 dicembre p.v. ore 14.00
(vd.all)

La legge anche in questa circostanza costituirà l’argomento centrale del convegno, trattato però non sotto l’aspetto strettamente tecnico, bensì sotto quello politico, trascurato nei precedenti incontri organizzati da ANIF sul tema, non perché marginale, ma semplicemente perché avevamo la necessità di promuovere a tutti i livelli (base associativa, Istituzioni di riferimento, settore sport nel suo complesso) innanzitutto i contenuti di questa nuova normativa volta a favorire la crescita patrimoniale ed occupazionale del settore.

Il disegno di legge il 28 giugno u.s. è stato assegnato alla VII commissione della camera (cultura, scienza e istruzione) con la firma dell’On. Daniela Sbrollini. Abbiamo in questo periodo intensificato la nostra azione sul piano mediatico (social, incontri istituzionali, convegni a vari livelli) e, con il Ventennale, abbiamo concluso questa prima lunga fase dedicata a far conoscere i contenuti della Legge a tutto il mondo sportivo, alle Istituzioni ed all’opinione pubblica.

Riteniamo di esserci riusciti, ma non per questo il nostro lavoro può considerarsi concluso. Per accelerare i tempi dell’iter legislativo ed arrivare all’emanazione della Riforma entro il 2017 occorre muoversi tempestivamente su altri importanti fronti.

Da qui nasce l’esigenza di organizzare un altro grande convegno incentrato su questi punti:

  1. fare forte “massa critica ” a tutti livelli sull’importanza della Legge;
  2. coinvolgere in questa azione alti esponenti delle Istituzioni (Ministero Lavoro, Agenzia Entrate, INPS, CONI, Confindustria) e della cultura (Università, Europe attive, fondazioni);
  3. coinvolgere i colleghi che non sono riusciti a partecipare ai precedenti incontri.

L’evento cade in prossimità delle Festività natalizie, desidero pertanto cogliere l’occasione per un cordiale scambio di Auguri e brindare con tutti alla crescita del nostro settore. Certo di poter contare anche sulla tua partecipazione colgo l’occasione per inviarti i miei più cordiali saluti.

Il Presidente

Giampaolo Duregon

Scarica la locandina

COMUNICATO STAMPA

 20 Ottobre

Ventennale ANIF- Eurowellness

Il 21 ottobre si celebrerà a Cesena presso la sede di Technogym il ventennale della costituzione di ANIF- Eurowellness Associazione Nazionale Impianti per lo Sport e per il Fitness.

Nerio Alessandri, Presidente di Technogym, in qualità di socio fondatore ed oggi Socio Onorario di ANIF, ospiterà l’evento nella prestigiosa azienda. Nel mese di ottobre del 1996 nacque Eurowellness (oggi ANIF- Eurowellness) grazie alla spinta e all’entusiasmo di Nerio Alessandri che aveva intuito con largo anticipo la necessità di creare un’organizzazione di alta qualità in grado di far fronte alle crescenti istanze provenienti dal settore fitness-wellness ancora privo di un punto di riferimento tecnico-politico-organizzativo

Alessandri riuscì a coinvolgere in questa lungimirante iniziativa un piccolo nucleo di illuminati e determinati imprenditori, tra i quali l’attuale Presidente di ANIF- Eurowellness Giampaolo Duregon. Duregon ha raccolto questo prestigioso testimone nel 2001 puntando soprattutto a rafforzare da un lato il senso di appartenenza della base all’organizzazione, dall’altro la sua identità ampliando la sfera delle sue competenze istituzionali al settore sport visto nel suo complesso.

La denominazione fu trasformata, in un’Assemblea Straordinaria del 29 marzo 2004, in ANIF Eurowellness, Associazione Nazionale Impianti per lo Sport ed il Fitness, estendendo così la sua azione a tutto il mondo dei Centri Sportivi Italiani. Nel 2005 entrando in Confindustria, attraverso Federvarie, quale organizzazione di riferimento per la partecipazione al sistema confederale delle associazioni di categoria, ANIF caratterizzava l’aspetto imprenditoriale dell’attività svolta dalla sua base associativa.

Le scelte politiche e il duro lavoro che in questo lungo periodo Duregon ha portato avanti con entusiasmo, supportato dal determinante contributo proveniente da una base associativa sempre più partecipe, in particolare dal gruppo dei Soci Benemeriti, ANIF è riuscita ad uscire dalla folta schiera degli organismi che operavano con scarsa efficacia nel settore per proporsi nella vasta area dello sport dilettantistico e nei rapporti con le Istituzioni quale unica, autorevole, credibile e rappresentativa Associazione di Categoria.

L’ultimo grande risultato oggi raggiunto con la stesura della Legge sullo Sport dilettantistico depositata presso la Commissione Cultura della Camera con la firma dell’On. Daniela Sbrollini lo conferma. La legge  è solo l’ultimo e certamente più importante anello di una lunga catena di obiettivi centrati, che hanno caratterizzato il percorso di  ANIF  in questo periodo consentendole di marcare sempre più la sua identità sul cui rafforzamento il Presidente aveva indirizzato la sua azione fin dal lontano giorno del suo insediamento alla Presidenza di ANIF.

L’evento sarà qualificato dalla presenza dell’On. Daniela Sbrollini prima firmataria della Legge sullo Sport Dilettantistico. La presentazione ufficiale della legge, la prima volta dopo la pubblicazione da parte dell’On. Sbrollini, costituirà l’argomento centrale dell’evento.   

Il programma comprenderà anche l’assegnazione dell’Award ANIF al centro sportivo affiliato che si è particolarmente distinto nel corso del biennio 2015/2016 sul piano dell’innovazione, su quello della qualità delle strutture e su quello della preparazione tecnica degli addetti.

legge quadro sport dilettantistico

Caro Collega,

in riferimento alla nostra recente circolare in cui chiedevamo di esprimere il tuo CONSENSO all’azione politica dell’on. Daniela Sbrollini, prima firmataria della nostra Legge, ti sottolineo la necessità di un ulteriore tuo contributo per sostenere la causa che ci vede tutti impegnati.

L’on. Sbrollini ci ha chiesto infatti di raccogliere QUANTE PIÙ FIRME POSSIBILE PER L’APPOGGIO ALLA LEGGE. Ti prego quindi vivamente di inviarci una lettera di consenso (se hai già provveduto come titolare di centro sportivo, ti prego di inviarne altre nuovamente –

scarica il documento

unendo in calce le firme di tutti i tuoi collaboratori e/o dipendenti, con i riferimenti dei relativi documenti di identità aventi valore legale (carta identità, patente, passaporto ecc.).

SOSTIENI LA LEGGE, FIRMA QUI

Considerando che la Legge prevede anche l‘introduzione della copertura previdenziale per i “compensi sportivi” e per quelli “amministrativi”, questo spingerà certamente i collaboratori a condividere la nostra iniziativa.

Se ti sarà possibile puoi aggiungere tutti coloro che sono disposti a firmare e sono favorevoli alla legge (soci del tuo Club, amici, parenti).

 

TUTTE LE LETTERE DI APPOGGIO SARANNO INVIATE AGLI ONOREVOLI SBROLLINI, ROSATO, LOTTI, BOSCHI, RENZI (che seguono la legge).

Dall’approvazione della Legge dipende la crescita del settore, come più volte sottolineato non solo da ANIF, ma anche da tutti gli organismi più qualificati del mondo dilettantistico. Anche il tuo contributo è quindi utile ed INDISPENSABILE a favorire il raggiungimento di questo importante risultato. Ci conto!

Ti ringrazio fin d’ora e, in attesa di un tuo cortese riscontro, ti invio i miei cordiali saluti.

Giampaolo Duregon

SOSTIENI LA LEGGE, FIRMA QUI

Potrai inviare il modulo a:

E-mail: anif@eurowellness.it

Visualizza la sintesi della legge

Scarica il pdf della legge 

sport dilettantistico

Nasce un Coordinamento delle associazioni di categoria dei settori: sport dilettantistico, acqua, fitness

20 giugno 2016

Il 20 giugno u.s. si sono riunite a Bologna presso la sede della Confcommercio, le Associazioni di Categoria Nazionali che a vario titolo operano nel mondo dello sport dilettantistico, del fitness, dell’acqua. Hanno partecipato alla riunione anche alcuni rappresentanti della carta stampata del settore e del Credito.

Erano presenti: Andrea Biondi, Presidente Acquanetwork (ANWK); Gianfranco Mazzia, Direttore ANIF-Eurowellness; Antonio Fedon, Presidente Assopiscine; Luca Bettini, Presidente Assosport (AssoFitness); Consigliere SIMS, Società Italiana Management Sportivo; Michele Capurso, Consigliere Assopiscine; Francesco Confalonieri, membro Consiglio Direttivo EAA – European Aquatic Association; Lucia Della Valle, il Nuovo Club – “Il Campo; Enzo Ferrari Presidente Associazione Impianti Sportivi, Goran Fiorentini, Consigliere Agoracqua; Marco Fragomeno, Direzione Commerciale Banca Prossima, Consigliere SPIN, Sport Insieme (CONI, EPS, banche consorziate); Paolo Gecchelin, Vicepresidente ANWK; Manuela Lovo, Consigliere ANWK; Paolo Mele consigliere ANWK.

Le componenti di cui sopra si sono riunite per verificare l’opportunità di dar vita a un Coordinamento non vincolante statutariamente, agile sul piano operativo, non oneroso, orizzontale sul piano politico (ogni componente possiede peso = 1). Nel pieno rispetto delle autonomie individuali, l’organismo è stato ipotizzato per individuare alcuni punti di convergenza su problematiche di grande attualità e importanza su cui orientare la linea politica di tutti gli interessati. In questa prima seduta il Gruppo ha cominciato a valutare alcuni punti su cui riflettere e agire ai vari livelli di competenza istituzionale:

Legge Quadro sullo Sport Dilettantistico di ANIF;
– Nuove Norme in ambito costruzione di impianti, sicurezza, ammodernamento;
Ruolo sociale dello sport;
– Impiantistica sportiva pubblica e privata: dialogo con ANCI.

Le componenti sono convinte sulla necessità di contribuire per quanto di loro competenza a stimolare il processo di cambiamento culturale della società attraverso azioni e normative che favoriscano lo sviluppo, l’innovazione tecnologica, la promozione sportiva e quindi di impegnare le Istituzioni a sostenere l’azione degli organismi che agiscono per il bene collettivo attraverso il ruolo ricoperto nello sport inteso come benessere psicofisico del cittadino e occasione di incontro e aggregazione sociale.

L’incontro si conclude con l’intesa di creare, in una prossima riunione che si terrà nel mese di settembre, le linee guida, i gruppi di lavoro, le modalità operative, volti a muoversi di volta in volta verso gli obiettivi individuati a cominciare dalla Legge Quadro sullo Sport Dilettantistico e dalle nuove Norme in ambito costruzione di impianti sportivi, sicurezza, ammodernamento.

Legge Quadro Sport

La grande kermesse di RiminiWellness, che ha visto affluire alla Fiera di Rimini, dal 2 al 5 giugno, oltre 500.000 appassionati, operatori, tecnici, titolari e gestori di impianti sportivi, ha ospitato il 3 giugno il consueto convegno ANIF su temi di grande attualità. Ed anche quest’anno le aspettative del folto pubblico presente, proveniente da quel mondo dello sport che segue con crescente attenzione l’importante azione svolta da ANIF a favore del settore, non sono andate deluse. Nell’occasione ANIF ha affrontato un tema di grande importanza per la crescita del settore: Una legge per il futuro dello sport dilettantistico

L’argomento e i prestigiosi relatori che hanno dato vita all’evento ha richiamato infatti il pubblico delle grandi occasioni. Oltre 200 gestori e titolari di impianti sportivi hanno seguito infatti i lavori del Convegno con la massima attenzione. Si tratta di una proposta di Legge Quadro per lo Sport promossa da ANIF su cui il Presidente Giampaolo Duregon  ha profuso per oltre un anno enormi energie. L’iter della proposta nei meandri istituzionali non è stato infatti certamente facile. Duregon ha dovuto pazientemente aggiustare il tiro intorno agli obiettivi prefissati che sembravano spesso a portata di mano, ma che invece continuavano a sfuggire per incomprensioni e conseguenti dilatazioni dei tempi tecnici dei lavori. Ma alla fine la tenacia e la bontà delle idee sono state premiate. La via parlamentare si è infatti oggi aperta senza aver dovuto rinunciare ai principi ai quali si è ispirata la manovra. Duregon apre i lavori con un’ampia relazione introduttiva sui punti centrali su cui verte la proposta e sul lungo e tortuoso cammino che questa ha fin qui percorso. Occorreva fare chiarezza – precisa Duregon – in un quadro legislativo incerto e non privo di contraddizioni, non far gravare sulle casse dello Stato i costi della Riforma, garantire agevolazioni fiscali, tributarie, lavoristiche agli enti sportivi dilettantistici prescindendo dal loro “status giuridico” per l’importanza che la loro attività assume sul piano socio-sanitario e da ultimo garantire benefici ai lavoratori sul piano previdenziale.

Oggi, grazie alla sensibilità dell’On. Daniela Sbrollini, Vice Presidente della XIIª Commissione Affari Sociali e Sanità della Camera e con recente delega del governo allo Sport, il progetto si sta avviando dunque verso il dibattito parlamentare con rinnovato ottimismo, giustificato dalla presenza con cui l’On.Sbrollini ha inteso onorare l’evento.

Ma come fare chiarezza? – si chiede Duregon – entrando nei meriti della proposta di legge quadro per lo sport – Semplicemente inserendo nel sistema associativo sportivo costituito, perlo più, da Associazioni e Società Sportive Dilettantistiche senza scopo di lucro, una Srl ORDINARIA DILETTANTISTICA che goda anch’essa di particolari agevolazioni fiscali e tributarie ma di livello inferiore rispetto a quello di cui godono gli enti sportivi non lucrativi. Infatti anche queste società fanno lo stesso lavoro delle altre dilettantistiche e sono meritevoli di agevolazioni anche se in quantità inferiore, per l’alto valore che assumono sul piano sociale e sanitario. 

Tali società liberate dai lacci e lacciuoli che le vincolano sul piano del reinvestimento degli utili forniranno – assicura Duregon – una potente spinta allo sviluppo dell’intero mondo dello sport. 

Prima di cedere la parola ad Alberto Succi, uno dei più grandi esperti di diritto sportivo e societario, che ha curato gli aspetti formali del Disegno di Legge, desidera ringraziare vivamente tutti coloro che hanno condiviso il progetto e lo hanno supportato lungo questo cammino anche nei momenti più difficili, in particolare Nerio Alessandri, Presidente Wellness Foundation e Marco Tornatore, General Manager di Acquanetwork che interverranno dopo l’intervento di Succi.

Alberto Succi illustra nei dettagli la proposta di Legge Quadro per lo Sport evidenziandone i punti qualificanti, quelli cioè che consentiranno al mondo delle imprese di valutare con maggior attenzione l’opportunità di investire in un settore fino ad oggi rigidamente bloccato entro un quadro normativo che risale alla Legge sul Professionismo Sportivo n. 91 del 1981 che si limitava, in realtà, a regolare solo il mondo del professionismo sportivo. La proposta di Legge Quadro sullo sport dilettantistico di ANIF colma di fatto questa lacuna.

Particolarmente atteso ovviamente anche l’intervento dell’On. Sbrollini. L’On. Sbrollini, non solo ha condiviso e sottolineato la validità del Progetto messo a punto da ANIF dopo un lungo lavoro che ha visto la partecipazione di una vasta area del mondo dilettantistico. Questo mondo attendeva da tempo un segnale sull’argomento dalla politica. È pur vero – prosegue l’On. Sbrollini -che non esiste come è noto, il Ministero dello Sport e questo può aver creato qualche ostacolo in passato, ma è altrettanto vero che la Delega allo Sport da lei ricevuta dal Consiglio dei Ministri le consente di muoversi oggi con maggiore libertà nell’ambito delle Istituzioni che a vario titolo vantano competenze nel mondo dello sport dilettantistico: Affari Sociali, Sanità, Istruzione e Lavoro ecc. La Delega con cui opera le è stata assegnata da poco tempo – precisa l’Onorevole – ma la determinazione che ha sempre caratterizzato la sua azione politica le consente di nutrire un sia pur cauto ottimismo sui tempi dell’emanazione della Legge. L’impegno e l’entusiasmo di Duregon – sottolinea l’Onorevole – supportato dalla competenza e dalla professionalità dei suoi partners, che ho avuto occasione di conoscere e apprezzare quali in particolare, Nerio Alessandri, Marco Tornatore e Alberto Succi, ci hanno consentito di mettere a fuoco i vuoti di una normativa che la politica deve assolutamente colmare attraverso una Legge che non collide con quelle sul tappeto, compresa quella che porta la sua firma, anzi le integra, consentendo al mondo delle imprese sportive di guardare il futuro con rinnovato ottimismo.

Dopo l’applauditissimo intervento dell’On. Sbrollini, prende la parola Nerio Alessandri, che ripercorre il lungo cammino di una piccola azienda (Technogym) nata nei primi anni ‘80 che di successo in successo bruciando le tappe è arrivata a raggiungere la leadership del settore, fino al punto di essere quotata in Borsa, in un momento particolarmente critico sul piano congiunturale. Ma tutto questo-prosegue, Alessandri –senza dover mai perdere di vista l’obiettivo su cui ha sempre orientato la sua azione imprenditoriale: l’impegno sociale. Wellness Valley, il grande centro sportivo, culturale, sociale creato da Wellness Foundation, vero e proprio punto di riferimento per il mondo accademico, quello delle scuole, dell’associazionismo sportivo e culturale e soprattutto della società vista nel suo complesso, testimonia questa linea. I principi ai quali si è ispirato Duregon – conclude Alessandri – nel portare avanti la proposta sulla Legge Quadro per lo Sport Dilettantistico sono molto vicini a quelli che hanno guidato la sua azione. 

Chiude quindi la prima parte del convegno Marco Tornatore

Tornatore, quale esponente di Acquanetwork, ha creduto, sostenuto e condiviso l’azione di Duregon fin dal suo primo momento. Acquanetwork, precisa Tornatore, è un punto di riferimento per tutto il vasto mondo che a vario titolo ruota intorno al settore acqua: Assonuoto, Assopiscine, Assofitness, Consorzio Spin, SIMIS. Le piscine – precisa Tornatore – soffrono una giungla di norme che prestano il fianco a “incursioni” esasperanti da parte degli Organi di Controllo. Da qui nasce il sostegno convinto del mondo dell’acqua al lavoro profuso da ANIF e dal suo Team. I grandi cambiamenti in Italia sono possibili – conclude Tornatore – tra gli applausi del folto pubblico presente, solo se qualcuno si batte con passione per migliorare quello che non va. E Duregon ci è riuscito per il bene del sistema sport nazionale.

Chiusi gli importanti e seguiti  lavori sulla Riforma dello Sport Dilettantistico, il Convegno prosegue con un tema di sempre grande rilevanza per la crescita del settore sport: “Registro Europeo Istruttori Fitnesss (EREPS)”. Sull’argomento sono intervenuti due alti esponenti di Europe Active Julian Berriman, Director Professional Standard Committee di Europe Active (EA) e Gabriel SainzPresidente centri fitness GO FIT. Il progetto è finalizzato, a valorizzare il profilo accademico degli istruttori fitness attraverso il riconoscimento europeo dei loro percorsi formativi seguiti nei Paesi di origine edattestati da organismi affiliati a Europe Active, tra cui ANIF . Sono previsti ben sei livelli di specializzazione che consentiranno al settore di avvalersi di una struttura operativa sempre più ampia e tecnicamente articolata.

Il lungo e caloroso applauso con cui terminano i lavori del Convegno testimonia un successo che è andato ben oltre le più ottimistiche previsioni della vigilia.