Print Friendly, PDF & Email
anif eurowellness legge sullo sport

Cari colleghi,
se vi scrivo nel week end è perché il momento è grave.
Anche io sono in casa a rispettare le restrizioni doverose per abbattere il Coronavirus.

Ho chiuso per la prima volta in tanti anni tutti i centri sportivi che ho fondato.

Il momento anche per noi che gestiamo i Centri Sportivi Italiani è estremamente critico.

L’aver insistito sin dal 23 febbraio, quando giustamente molti ci dicevano di insistere nel trovare il modo per non chiudere e non “perdere” tempo con i sussidi, ci ha fatto essere in prima fila nelle richieste.

Grazie alla sensibilità di persone vicine allo sport che ci seguono nel Ministero delle Finanze, sin dal 23 febbraio sono state protocollate le nostre 8 istanze, diventati poi emendamenti.

Siamo noi che avviamo allo sport i giovani

PRIMI ED UNICI EMENDAMENTI PROTOCOLLATI PER I CENTRI SPORTIVI ITALIANI

1) Cassa integrazione per il personale dipendente (settore amministrativo, manutentivo e addetti alle pulizie).

2) Emanazione di provvedimenti urgenti per il Settore in tema di ammortizzatori sociali (Cassa Integrazione in deroga, Sussidi per i collaboratori ex art 67 TUIR.)

3) Accesso al Credito, sospensione ratei mutui.

4) Prorogare di almeno 6 mesi il pagamento di acqua, energia elettrica e gas con rateizzazione nei 48 mesi successivi.

5) Annullamento per 6 mesi delle imposte ritenute alla fonte, operate in qualità di sostituti d’imposta, nei confronti dei lavoratori dipendenti, nonché dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria, relativi ai contratti a tempo indeterminato (manutenzione, pulizie ecc.) per le ASD (Associazioni Sportive Dilettantistiche) e SSD (Società Sportive Dilettantistiche) oppure Sospensione e rateizzazione dei versamenti per 48 mesi.

6) Annullamento per 12 mesi delle imposte (quali a titolo di esempio IRES, IRAP, IVA etc.) quando dovute.

7) Accesso al credito sportivo per finanziamento di superamento crisi, per mutui di ri-partenza a 20 anni, proporzionali alla dimensione dei centri sportivi (volume entrate).

8) Previsione di aiuti finanziari per il pagamento degli stipendi e compensi, per il periodo di chiusura.

Siamo noi che facciamo fare sport ad adulti e anziani

sport terza età

Ora siamo certi che molti di questi emendamenti saranno ricompresi sia in circolari e risoluzioni che anticipano e seguono il Decreto, sia nei sussidi che decideranno i Ministri dello Sport e Lavoro in seguito.

Faremo una relazione a provvedimenti presi nella speranza di vederli accettati e ricompresi in questi differenti strumenti applicativi.

Per ora siamo concentrati ad ottenere il massimo possibile per la ripresa del settore. Per sensibilizzare l’opinione pubblica ho lavorato senza sosta a far conoscere le nostre azioni e mi ha fatto molto piacere
vedere e sentire quanto molte istituzioni del settore hanno dichiarato per il nostro bene.

Parlo infatti dei vertici del Coni, delle Federazioni, degli Enti di promozione sportiva, del Ministero dello Sport, del Ministero del Lavoro, che hanno dichiarato che faranno del tutto per salvare i centri sportivi Italiani chiedendo i provvedimenti necessari, che sono quasi TUTTI già contenuti negli emendamenti che abbiamo presentato a fine febbraio, conoscendo molto bene le nostre peculiari necess. E NOI LI RINGRAZIAMO TUTTI.

Siamo noi che produciamo atelti per le Olimpiadi

Ci fa piacere che le azioni di ANIF, gli emendamenti presentati, la risonanza mediatica in cui abbiamo investito le risorse economiche Anif, abbiamo contribuito a creare l’interesse nel cercare di salvare un patrimonio sociale inestimabile: i 100.000 centri sportivi Italiani, con 20.000.000 di praticanti, con 1.000.000 di addetti.

Noi siamo un settore che affonda le radici nel sociale.
Siamo noi che avviamo allo sport i giovani, siamo noi che facciamo fare sport ed esercizio fisico agli adulti e anziani. Siamo noi che produciamo gli atleti delle Olimpiadi.

Noi ce l’abbiamo messa tutta e speriamo veramente di essere considerati con l’importanza che meritiamo. Se non veniamo aiutati muore il benessere della Nazione.

RIMANIAMO COMPATTI E ALLENIAMOCI PER LA RIPRESA.